Malattie polmonari croniche: le terme come prevenzione e cura

da , il

    Terme e malattie polmonari

    Le malattie polmonari croniche, ovvero delle basse vie aeree possono essere trattate anche con l’ausilio delle terme. Purtroppo queste patologie respiratorie nel nostro paese e non solo, sono molto più diffuse di quanto non si pensi. Il 4,8 %  delle italiane soffre ad esempio di bronchite cronica (subito però seguite dagli uomini con un 4, 2%). Secondo i dati diffusi di recente nel corso della prima conferenza italiana sull’accesso alle cure nelle malattie croniche, a soffrire di tali problematiche non sono più solo gli anziani.

    Benché alla terza età siano riconducibili il 60% di queste patologie, sono numerosi anche i casi giovanili: 7,6 milioni di italiani tra i 6 ed i 44 anni e tra questi 2 milioni tra i 6 ed i 24! Si tratta in genere di malattie poco note, come nel caso della BPCO (broncopneumologia cronica ostruttiva) oppure, troppo trascurate. “Le malattie polmonari croniche sono molto diffuse, poco conosciute e sottovalutate: questo implica una scarsa prevenzione e quindi spesso la cronicizzazione” spiega il Dott. Valerio Boschi, Direttore Sanitario delle Terme di Sirmione, ma soprattutto medico idrologo. Le terme da sempre sono un importante luogo di cura e prevenzione per le malattie respiratorie. Non a caso le stesse Terme di Sirmione, come altre, sono convenzionate con il SSN (Servizio Sanitario Nazionale). E’ possibile usufruire di un ciclo di terapie l’anno, della durata di 12 giorni pagando semplicemente il ticket , o in caso di malattie croniche neppure quello perché spesso c’è l’esenzione. In particolare possono essere utili se coordinate alle terapie farmacologiche ed in periodi di mancanza di sintomi eccessivi, sia dal punto di vista della preventivo che curativo, onde rallentare il decorso della malattia e la cronicizzazione.

    “L’acqua sulfurea salsobromoiodica, come la nostra di Sirmione, esercita a livello delle mucose dall’apparato respiratorio un’azione anti-infiammatoria, antisettica, immunostimolante, eutrofica, mucolitica e muco-regolatrice” spiega Boschi. Non solo, nei centri termali come quello in questione vengono sviluppati dei protocolli integrativi attraverso inalazioni, ventilazioni polmonari e spesso di fisiokinesi respiratoria. Insomma un trattamento completo. Le Terme di Sirmione sono sede del primo Centro per la Sordità Rinogena in Italia, di un importante Centro di Broncopneumologia e di un Reparto Pediatrico. Ma non ci si occupa solo di respirazione, bensì anche di malattie reumatiche, disturbi vascolari e riabilitazione motoria.  

    Le cure termali possono certamente aiutare, ma la prevenzione principale spetta a noi stessi. Il fumo e l’inquinamento atmosferico rappresentano i maggiori fattori di rischio per le malattie polmonari croniche. Un motivo in più per smettere di fumare.