Malattie della tiroide: attenzione agli ormoni T3 e T4

da , il

    malattie della tiroide

    Le malattie della tiroide, queste sconosciute. E’ ciò che emerge da un’indagine Doxa appena presentata e realizzata su un campione rappresentativo di italiani di età superiore ai 15 anni: in effetti sono più di 6 milioni gli italiani colpiti da malattie della tiroide eppure solo uno su 5 dichiara di sapere di cosa si tratta. Si tratta di patologie di varia natura che colpiscono essenzialmente le donne, in un rapporto 2 a 1 rispetto agli uomini. Cerchiamo di capire quali sono e cosa è possibile fare.

    Cos’è la tiroide?

    La tiroide è una ghiandola che si trova all’altezza del collo, nella parte anteriore. E’ a forma di farfalla (o fiocco come preferite), con due lobi laterali uniti tra loro al centro da un piccolo istmo. E’ un’organo molto importante perché serve a controllare il funzionamento, il metabolismo di tutto l’organismo, grazie agli ormoni che è in grado di secernere. Stiamo parlando del T4 (tiroxina) e del T3 (tri-iodotironina). Queste sostanze contengono iodio (che viene dai nutrienti e dall’aria che respiriamo) e quindi la sua quantità in circolo nell’organismo è molto importante. La tiroide inoltre, grazie ai suggerimenti dell’ipofisi, produce nuovi ormoni tiroidei da mettere in circolo quando mancano, e smette di farlo quando si raggiunge la quantità necessaria.

    A cosa serve la tiroide?

    In pratica gli ormoni prodotti dalla tiroide fungono nell’organismo come una carica di energia, dicono cioè come e quanto veloce agire: insomma la tiroide è responsabile del nostro metabolismo basale. Questo significa che gli ormoni T3 e T4 sono responsabili della corretta crescita e sviluppo degli altri organi, oltre che del loro quotidiano funzionamento a norma. Come? Gli ormoni tiroidei stabiliscono la velocità dei battiti cardiaci e quindi i livelli di pressione sanguigna, tengono sotto controllo il colesterolo, la potenza muscolare, la salute della pelle e dei capelli, ma anche il corretto ritmo del ciclo mestruale, la vista, lo stato di salute mentale e, come ben sapete quando si parla di metabolismo, anche di controllo del peso corporeo. E questo è l’esempio più semplice da fare: se la tiroide funziona troppo si ha un ipertiroidismo che è una condizione spesso correlata a pazienti sottopeso. Al contrario se ci sono pochi ormoni tiroidei in circolo si tende ad accumulare chili.

    Quali le malattie della tiroide?

    Dato il suo coinvolgimento a vari livelli nell’organismo, una cattiva funzionalità della tiroide può provocare patologie molto diverse tra loro. Parliamo, di ipertiroidismo (quando per l’appunto c’è un’eccessiva produzione di ormoni tiroidei) e di ipotiroidismo (cioè il contrario), ma esistono anche i più noti noduli alla tiroide che mettono sempre in ansia per il timore di un tumore, (che pure può svilupparsi all’interno di questi stessi), le tiroiditi (infiammazioni della tiroide) ed il gozzo (ingrossamento della tiroide). Sono solo alcune delle malattie della tiroide più conosciute.

    Foto di Lenny per Flickr