Macchie solari sul viso e sulla pelle: cause e rimedi per eliminarle

da , il

    Macchie solari

    Il sole può lasciare sulla pelle davvero dei pessimi ricordi. Le macchie solari sono il risultato di una dermatite da esposizione ai raggi solari troppo intensa e senza le protezioni giuste. Se, nei casi migliori, le zone arrossate e pruriginose tendono a scomparire con il tempo, non è da scartare l’eventualità che sulla pelle, del viso e del corpo, compaiano macchie persistenti di colore bruno, di ampiezza e dimensioni variabili. Per capire meglio di cosa si tratta, ecco le cause e i rimedi per eliminarle.

    Cosa sono?

    Le vittime possono essere adulti o bambini e nessuna zona del corpo è potenzialmente al sicuro quando si tratta di macchie solari. Com’è facilmente intuibile colpiscono soprattutto le aree più esposte all’aggressione dei raggi del sole, come il viso, le braccia, le spalle e la schiena. Quando l’esposizione solare scatena una dermatite, un’infiammazione della cute, particolarmente violenta e intensa, le conseguenze, difficili da ignorare, possono essere le macchie solari.

    Formazioni di colore bruno, più o meno intenso, le macchie solari possono avere dimensioni variabili: da quelle più piccole, confondibili con lentiggini e nei, a quelle più “ingombranti”.

    Le cause

    Tutta questione di esposizione al sole, ma non solo, anche di interazioni pericolose. In particolare, in caso di macchie solari, il dito è da puntare verso creme, profumi e farmaci (antibiotici, antinfiammatori, antistaminici, sedativi, diuretici) che fotoreagiscono con i raggi ultravioletti, irritando la pelle.

    Sul banco degli imputati, inoltre, salgono anche gli ormoni, che in condizioni particolari, come la gravidanza, possono causare una sovrastimolazione dei melanociti e una maggiore produzione di melanina. In presenza di uno o più fattori di rischio, meglio proteggere con più attenzione la pelle o evitare l’esposizione al sole, per prevenire le macchie.

    I rimedi utili

    Se le macchie sono “fresche fresche”, forse la situazione è ancora rimediabile o, almeno, migliorabile. Il consiglio è di tenersi alla larga per qualche giorno dai raggi solari e di utilizzare creme schiarenti con derivati dell’idrochinone, glabridrina, acido cogico, ascorbile, un derivato della vitamina C.

    Potrebbero essere validi alleati contro le macchie solari anche i peeling superficiali con alfaidrossiacidi. In particolare, il trattamento a base di acido glicolico, un alfaidrossiacido che ha una potente azione esfoliante. La molecola di quest’acido penetra nelle cellule dell’epidermide, irritandone lo strato più superficiale e favorendone il ricambio. In genere servono almeno 5 sedute, con scadenza bisettimanale, per ottenere i risultati sperati.

    Quando il danno è fatto e le macchie sono da classificare come “indelebili”, si può sfruttare la tecnologia, sempre affidata alle mani degli specialisti (dermatologi o medici estetici), scegliendo un trattamento laser o a base di luce pulsata, per esempio.

    Dolcetto o scherzetto?