NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Ludopatia: i sintomi, le cure e i rimedi

Ludopatia: i sintomi, le cure e i rimedi

Il gioco d’azzardo patologico, o ludopatia, è un fenomeno in crescente aumento ed è la nuova emergenza sociale

da in Malattie, Psicologia
Ultimo aggiornamento:
    Ludopatia: i sintomi, le cure e i rimedi

    La ludopatia, o gioco d’azzardo patologico, è l’incapacità di resistere all’impulso di giocare d’azzardo o di fare scommesse. Chi è affetto da ludopatia trascura lo studio, il lavoro, la famiglia e la vita sociale, arrivando a dire bugie e a commettere furti o frodi per poter continuare a giocare, arrivando a distruggere la vita di chi ne è affetto fino ad arrivare anche al suicidio. Scopriamo quali sono i sintomi, le cure e i rimedi per contrastare un male che solo in Italia conta un milione e mezzo di persone affette.

    La ludopatia è più comune tra gli uomini, anche se negli ultimi anni le statistiche fanno percepire un cambiamento di tendenza, con il disturbo che sta arrivando ad interessare in ugual misura i due sessi. La causa della ludopatia al momento non è nota, ma si ritiene che l’insorgenza della dipendenza dal gioco d’azzardo patologico sia legata all’interazione sfavorevole di fattori biologici, genetici e ambientali. Certo è invece il ruolo promuovente di alcuni fattori di rischio, come l’essere affetti da altri disturbi comportamentali, da disturbi dell’umore, o presentare problemi da altre dipendenze o di abuso di sostanze, ma è da sottolineare che nelle famiglie dedite al gioco d’azzardo è più facile per i figli arrivare a sviluppare questa malattia.

    La ludopatia presenta comportamenti peculiari facilmente individuabili, primo fra tutti l’ossessione riguardo il gioco d’azzardo e le scommesse con la ricerca del denaro per andare a giocare. Nei luoghi dedicati al gioco hanno poi il bisogno di aumentare sempre più la posta e non riescono ne a controllarsi, ne a ridurre il gioco, ne tanto meno ad abbandonare l’abitudine, diventando nervosi se qualcuno li invita a smettere.
    Spesso utilizzano il gioco d’azzardo per sfuggire ai problemi, esattamente come chi soffre di alcolismo, e arrivano a mentire per nascondere fino a che punto sono coinvolti nel gioco d’azzardo e per trovare i soldi.

    Inevitabile quindi i conseguenti problemi con il lavoro, la scuola e le persone vicine, a cui comunque chiedono costantemente i soldi per continuare a giocare.

    Appena ci si accorge del problema è consigliabile rivolgersi immediatamente ad uno specialista per evitare che il problema peggiori o diventi cronico. Il problema è che le persone affette da ludopatia sono portate a negare e a nascondere la loro dipendenza dal gioco d’azzardo, e diventa quindi importante l’aiuto di amici e familiari per indirizzarle agli specialisti. La ludopatia può essere curata sulla base delle caratteristiche di chi ne è affetto, e le strade da percorrere possono essere la psicoterapia, la terapia farmacologica, e la frequentazione di gruppi di auto-aiuto o di comunità che accolgono i dipendenti dal gioco. Il percorso è lungo, il rischio di ricaduta è alto, e ci vogliono circa quattro anni per considerarsi al sicuro.

    578

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN MalattiePsicologia
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI