Liposuzione: dopo un anno il grasso si riforma

da , il

    Liposuzione

    Se state valutando di sottoporvi ad un intervento di liposuzione per eliminare definitivamente quegli accumuli di grasso che vi tormentano, bé, toglietevi dalla testa che l’avverbio definitivamente si traduca in realtà. L’eliminazione delle cellule adipose che si annidano in alcune parti del nostro corpo, come le cosce, i fianchi e i glutei per noi femminucce, è quindi solo momentanea. O meglio, magari è anche permanente in quelle specifiche aree, ma il grasso tende comunque a riformarsi da qualche altra parte. Insomma, scompare da una parte e quando siete tranquille, vi accorgete che vi fa cucù dall’altra…

    Almeno stando a quanto scoperto dai ricercatori americani dell’Università del Colorado, che hanno avviato una sperimentazione durata un anno. Dopo aver selezionato 32 volontarie (presuppongo, con un po’ di ciccia superflua o di cellulite), i medici hanno sottoposto 14 di loro a liposuzione alle gambe.

    L’operazione è andata bene e le gambe sono effettivamente dimagrite, peccato che, ad un anno di distanza, le donne operate abbiano evidenziato accumuli di cellule adipose nella parte superiore del corpo, in una quantità tale da essere globalmente la stessa del pre-intervento. In pratica, cosa è successo?

    Che siccome l’asportazione del grasso non è stata determinata da una risoluzione interna, corporea, del problema (un dimagrimento con smaltimento naturale del grasso superfluo o un miglioramento della circolazione in caso di cellulite), ma da un intervento esterno, le cellule si sono “vendicate”, ritornando come prima, anche se non nelle stesse zone del trattamento estetico. Perciò, alla luce di questi risultati, pensateci bene prima di affidarvi a questi costosi e dolorosi interventi, sperando che vi risolvano il problema alla radice.