Leucemia mieloide acuta: un nuovo passo avanti per la cura

da , il

    Leucemia mieloide acuta ricerca

    La leucemia mieloide acuta è una malattia rara, molto pericolosa. La ricerca scientifica procede per fortuna a grandi passi: lo conferma uno studio appena pubblicato su Nature Genetics realizzato da alcuni scienziati del Wellcome Trust Ranger Institute, che ha individuato tre gruppi di mutazioni genetiche che potrebbero essere fortemente predisponenti allo sviluppo della malattia. I buoni risultati finora ottenuti sui topini di laboratorio fanno presupporre anche lo sviluppo di nuove terapie mirate per questa forma grave di leucemia.

    In particolare sono state individuate tre diverse mutazioni genetiche, ma anche il modo in cui si intersecano tra di loro nello sviluppo del tumore: il midollo osseo in questa malattia produce globuli bianchi “immaturi” che non riescono a portare avanti il loro abituale lavoro, ovvero il trasporto dell’ossigeno agli organi. Ha spiegato il Dr. George Vassiliou, ematologo consulente del Wellcome Trust Sanger Institute: “sono stati individuati dei passaggi critici che hanno luogo quando il tumore si sviluppa. Identificare questi processi biologici significa indirizzare la ricerca verso la creazione di nuovi farmaci, capaci di invertire il processo patologico. Potrebbero servire dei decenni, ma siamo sulla buona strada: basta ipotizzare l’uso più mirato dei medicinali già conosciuti.

    Effettivamente, medicinali che vanno a colpire direttamente i geni alterati stanno riscontrando buoni risultati nel trattamento dei tumori del sangue. Ha aggiunto il Dott. David Grant, direttore scientifico della ricerca sulla leucemia e sui linfomi: “Questo lavoro è molto importante in quanto offre indicazioni preziose sul ruolo di tali geni nello sviluppo della leucemia mieloide acuta, oltre che degli altri fattori genetici. Fornisce praticamente per il futuro un modello per la creazione di nuovi farmaci per combattere questa terribile malattia.”