Le caratteristiche del bambino affetto dalla sindrome di Asperger

da , il

    caratteristiche sindrome asperger

    La sindrome di Asperger prende il nome dal pediatra che per primo la identificò: Hans Asperger. Questi definiva i suoi pazienti “piccoli professori” perché le persone affette da tale patologia, appartenente allo spettro autistico, hanno un’attenzione intensa nei confronti di oggetti e situazioni particolari, a tal punto da memorizzarle in modo rapido e semplice. Chi non ha visto il famoso film “Rain Man” magistralmente interpretato da Dustin Hoffman? Ecco, il protagonista, che con uno sguardo aveva imparato tutto l’elenco telefonico della città era affetto dall’Asperger.

    In caso di tale malattia lo sviluppo dell’intelligenza è superiore o equivalente alla norma, ma si manca di empatia e dunque della capacità di comunicare le proprie emozioni (come nell’autismo). Il linguaggio si sviluppa adeguatamente, anche se può cadere nella ripetitività ossessiva, come per i movimenti del corpo e delle mani. Molti riescono anche a sposarsi e ad avere figli: nei casi più lievi neppure si arriva ad una diagnosi di autismo, mentre magari, questi atteggiamenti, possono essere scambiati come forme compulsive-ossessive o stati di ansia, disturbi che spesso si accompagnano alla sindrome in questione. Torneremo a parlarne in modo più approfondito.

    Dolcetto o scherzetto?