La sciatica: sintomi, cause e cure [FOTO]

da , il

    La sciatica, quel disturbo caratterizzato da dolore intenso e pungente, talmente fastidioso da non passare facilmente inosservato. Più propriamente detto sciatalgia, ecco di cosa si tratta, quali sono i sintomi più frequenti, le cause possibili, le regole di prevenzione e le cure più adatte per dirgli addio, una volta per tutte, o quasi.

    I sintomi

    Comunemente conosciuta come sciatica, la sciatalgia non è altro che l’infiammazione del nervo sciatico, il nervo che dalla zona lombare, la parte bassa della schiena, scende lungo la parte posteriore della gamba per arrivare fino al piede.

    Quando questo nervo si infiamma, i sintomi più evidenti, oltre al dolore, che si irradia dalla parte posteriore della coscia fino al retro dello stinco e può estendersi anche al piede, sono la sensazione di torpore alla gamba, le difficoltà di movimento e di controllo dell’arto inferiore interessato. Nella maggior parte dei casi il dolore colpisce un solo lato del corpo.

    Le cause

    Tutta colpa, o quasi, delle posture scorrette assunte per molto tempo. Da quelle scelte per lavorare alla scrivania, davanti al computer, che sottopongono la colonna vertebrale a sovraccarichi e stress di troppo, a quelle preferite durante piccoli e grandi sforzi, dal sollevare piccoli pesi a portare la spesa, per esempio.

    Tra le possibili cause della sciatica, poi, non è da ignorare la presenza di un’ernia, cioè la fuoriuscita della parte centrale di un disco vertebrale della colonna, che può in questo modo comprimere la radice del nervo sciatico. È proprio questa anomala compressione che causa gli episodi di dolore e provoca anche un danno al nervo, con conseguente perdita della sensibilità, di forza o dei riflessi nervosi.

    La prevenzione

    Contro la sciatica, l’arma più potente è la prevenzione. Prevenzione che fa rima, soprattutto, con postura corretta, sia da seduti sia da in piedi: la schiena deve essere dritta e la faccia deve essere rivolta in avanti quando si è in piedi, mentre quando si è seduti la schiena deve essere ben aderente allo schienale della sedia, con il collo rilassato e non in tensione.

    Da non sottovalutare, in quest’ottica, anche la scelta della sedia, quando si svolge un lavoro sedentario: la seduta deve essere comoda, adatta alle proprie caratteristiche fisiche (non troppo stretta o troppo larga, profonda o piccola) e dotata di un sostegno all’altezza dei reni, in modo da non sovraccaricare la schiena.

    Le cure

    Per trattare la sciatalgia durante la fase acuta, quando il dolore sembra insopportabile, si può ricorrere a dei farmaci antidolorifici e antinfiammatori, per contenere i sintomi più fastidiosi.

    Oltre ai rimedi sintomatici, poi, è necessario rivolgersi al medico per una visita specialista accurata, grazie alla quale sarà possibile avere una diagnosi affidabile. A diagnosi effettuata, solitamente, lo specialista consiglia alcune sedute di fisioterapia per iniziare un percorso di esercizi fisici mirati.

    Quando la causa conclamata della sciatica è l’ernia, invece, è necessario intervenire per risolverla. In base al caso specifico, il medico opterà per l’approccio conservativo o per l’intervento chirurgico.