La pillola del giorno dopo

da , il

    La pillola del giorno dopo

    Con l’arrivo dell’estate aumenta la possibilità di conoscere persone nuove e quindi anche di avere rapporti occasionali che sono quelli in cui si tende a non stare attenti con metodi contraccettivi adeguati. Le interruzioni di gravidanza sono in calo in Italia, e dato che il buon senso non credo proprio che lo sia, probabilmente è merito della pillola del giorno dopo.

    La pillola del giorno dopo ovviamente non è un metodo contraccettivo, non esiste il non prendere precauzioni perché si sa che c’è un tappeto di salvataggio alle nostre leggerezze. La pillola del giorno dopo è un contraccettivo per le emergenze, un farmaco a tutti gli effetti che contiene un progestinico che impedisce all’ovulo fecondato di impiantarsi nell’utero.

    Il nome con cui la trovate in commercio è NorLevo® e si può avere tramite prescrizione medica, si deve prendere quando si hanno avuto rapporti a rischio, ad esempio se si rompe il preservativo o se capite di non averlo messo bene, insomma per gli incidenti che a volte possono capitare a tutti.

    La pillola del giorno dopo deve essere assunta il prima possibile e comunque entro 72 ore perché col passare delle ore dal possibile concepimento perde la sua efficacia. Entro 24 ore la pillola è efficace al 95%, tra le 24 e le 48 ore l’efficacia scende all’85% e poi arriva al 58% tra le 48 e le 72 ore.

    Essendo un farmaco ad alta concentrazione ormonale può avere vari effetti collaterali come mal di testa, nausea, mal di pancia e piccole perdite, se dopo l’assunzione doveste vomitare dovete prenderne un’altra perché altrimenti non è garantita nessuna efficacia.

    Dopo dovete aspettare il ciclo che potrebbe anticipare o ritardare qualche giorno, se entro 5 giorni non vengono le mestruazioni fate un test di gravidanza. Se prendete la pillola, associate un altro metodo contraccettivo come il preservativo fino alla fine del ciclo, perché l’efficacia della pillola è stata compromessa.

    Dolcetto o scherzetto?