La Pet Therapy con gli asinelli per tornare a camminare

da , il

    Pet Therapy asinelli

    Si chiama onoterapia, ovvero, la pet therapy con gli asinelli, sempre più utilizzata per aiutare i bambini e gli adolescenti affetti da disabilità motorie, a riprendere a camminare. Infatti pare proprio che prendersi cura di questo dolce animale, molto più intelligente e docile di quanto tradizionalmente giudicato, stargli accanto e cavalcarlo, sia davvero uno stimolo incredibile soprattutto per i più piccoli, perché il grado di empatia che l’asinello riesce ad instaurare con i “cuccioli d’uomo” affetti da handicap è davvero notevole. A tal proposito, ovvero dei successi che l’onoterapia è in grado di far ottenere, vi segnalo la vicenda di un ragazzino delle Marche, di 11 anni, che era finito sulla sedia a rotelle a seguito di un grave incidente.

    Ricoverato e seguito nell’Istituto di riabilitazione Santo Stefano, il bambino era riuscito ad uscire dal coma e a rimettersi il tanto di rientrare a casa e cominciare le terapie riabilitative consuete. Accanto alla “ginnastica” tradizionale, questo paziente è stato sottoposto a onoterapia, grazie alla collaborazione tra Ianil e Associazione La Speranza, e proprio questa specialissima pet therapy gli ha consentito di abbandonare la sedia a rotelle e passare al deambulatore.

    Il tutto si è svolto in una fattoria con percorsi e attrezzature per persone con disabilità, dove il ragazzino è entrato in contatto con due asinelli diversi: un’asina di 4 anni per le passeggiate, e un’altra asina di 11 anni (più grande), per gli esercizi in piedi. La terapia prevedeva un incontro ogni 15 giorni in fattoria, lungo 2 ore contraddistinte da esercizi diversi, ma tutti da effettuare in compagnia delle asinelle.

    Una bella storia, in cui L’onoterapia si è dimostrata davvero utile al piccolo marchigiano, e sicuramente ne sentiremo parlare ancora come pet therapy sempre più diffusa sul territorio, visto che è oramai appurato l’importante contributo che gli animali, e alcuni animali nello specifico, tra cui cavalli, asini, cani e delfini, hanno nell’aiuto verso chi abbia disabilità di varia natura, non solo fisica ma anche mentale.