La depressione stagionale si può superare con un po’ di… luce nelle orecchie

da , il

    Depressione luce orecchie

    La notizia mi ha lasciato un po’ perplessa: superare la depressione stagionale semplicemente esponendo le orecchie alla luce. Onestamente, ho pensato: e cosa c’entrano le orecchie con la depressione, e soprattutto, perché la luce dovrebbe essere diretta ai nostri padiglioni auricolari e non, ad esempio, al nostro viso, in modo che siano i nostri occhi a recepire l’aumento di luminosità? Questo avrebbe avuto più senso, ma, naturalmente, ragionavo da “profana”. In realtà, la scoperta ci arriva dai ricercatori finlandesi (e in Finlandia di depressione stagionale ne sanno qualcosa, considerando che per metà dell’anno sono praticamente al buio) dell’Università di Oulu.

    Gli scienziati hanno studiato il cervello delle persone affette da DSA – disordine stagionale affettivo – scoprendo ben 18 aree in cui sono presenti e attive le opsine, proteine che si trovano anche negli occhi, e che hanno un ruolo fondamentale nell’intercettare la luce e usare questo input per riequilibrare l’orologio biologico umano. Ebbene, stimolando opportunamente le opsine cerebrali grazie alla luce diretta alle orecchie, è possibile guarire perfettamente dalla sindrome DSA.

    Gli scienziati hanno potuto dimostrare la loro teoria sottoponendo a questo tipo di illuminazione auricolare (per 8-12 minuti al giorno), un campione di 89 volontari sofferenti proprio di depressione stagionale. Per effettuare l’esperimento, sono state usate delle minuscole torce simili a degli iPod. Al termine della sperimentazione, una percentuale tra il 74 e il 79% dei “depressi”, era guarita del tutto dalla DSA.

    I risultati di questo curioso quanto efficace studio, sono stati presentati nel corso dell’International Forum Mood and Anxiety Disorders di Budapest. “Il cervello potrebbe essere addirittura più sensibile degli occhi alla luce, perché vi abbiamo trovato una concentrazione di fotoricettori ancora più alta”, ha spiegato uno degli autori dello studio finlandese, Timo Ahopelto.

    Sicuramente in un Paese mediterraneo come l’Italia, i problemi di DSA sono molto inferiori, eppure io conosco tante persone “meteoropatiche”, che patiscono tantissimo la riduzione delle ore di luce tipica di questo periodo autunnale, quindi mi domando quando verranno vendute anche da noi queste portentose piccole torce da orecchio. In alternativa, provate con le torce normali, tentar non nuoce…