NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

La cena ideale per chi soffre di reflusso gatroesofageo

La cena ideale per chi soffre di reflusso gatroesofageo

Il reflusso gatroesofageo colpisce circa il 10-20% della popolazione in Europa

da in Alimentazione, Dieta
Ultimo aggiornamento:
    La cena ideale per chi soffre di reflusso gatroesofageo

    Il reflusso gastroesofageo si verifica soprattutto dopo mangiato quando i succhi gastrici entrano in contatto con l’esofago, provocando bruciore retrosternale e rigurgito acido in bocca. Essendo la malattia causata anche da fattori alimentari, e possibile agire pensando ad una dieta e soprattutto ad una cena ideale. Oggi si consuma poca frutta e verdura, pochi alimenti integrali e si abbonda con il consumo di bevande zuccherate e gassate, e anche di alcolici, aumentando la possibilità che il problema del reflusso si presenti.

    Se la valvola che separa l’esofago dallo stomaco non funziona correttamente, il contenuto dello stomaco può risalire e provocare bruciore, a livello dello stomaco o dietro lo sterno. Le cause che possono provocare il reflusso gastroesofageo sono il sovrappeso e l’obesità, il fumo, alcuni farmaci, la gravidanza, alcune malattie neurologiche e lo stress. Ma esistono anche alcuni comportamenti e anche dei cibi che possono portare al formarsi della patologia o ad aggravare la situazione.

    E’ consigliato ridurre il peso corporeo e soprattutto la circonferenza addominale, si deve smettere di fumare, non vanno indossati abiti e cinture troppo strette, bisogna dormire con la testa rialzata magari con un doppio cuscino, non si deve andare a dormire subito dopo il pranzo e la cena, soprattutto quando si è mangiato in abbondanza, e la sera è consigliabile mangiare in modo leggero.
    Ma chi soffre di reflusso gastroesofageo deve fare attenzione alla dieta, perchè esistono dei cibi sì e anche dei cibi no che possono produrre acido, irritare l’esofago o far rilasciare la valvola fra stomaco ed esofago.

    Ecco quali sono gli alimenti che non provocano o non aggravano il reflusso gatroesofageo:

    • Frutta: mela, banana, melone e cocomero.
    • Verdura: tutte permesse, ad eccezione del pomodoro.
    • Cereali: pane, riso integrale, riso, cous cous, cracker.
    • Latte: formaggi freschi, magri e non fermentati.
    • Carne: carni povere di grassi e bresaola.
    • Uova: bianco d’uovo.
    • Pesce: pesci magri e freschi.
    • Dolci: biscotti senza grassi, liquirizia.
    • Condimenti: olio d’oliva extra-vergine.
    • Bevande: acqua naturale non gassata.

    Ecco quali sono gli alimenti che possono provocare o aggravare il reflusso gatroesofageo:

    • Frutta: arancia, limone, limonata, pompelmo, mirtilli.
    • Verdura: pomodoro, purè di patate, patate fritte, cipolla cruda, legumi.
    • Cereali: pasta e riso con condimenti pesanti.
    • Latte: panna acida, milk shake, gelato, formaggio molle fresco.
    • Carne: pancetta, pelle del pollo, affettati e le carni grasse.
    • Uova: sode, fritte e creme
    • Pesce: pesci grassi.
    • Dolci: cioccolato, caramelle, biscotti al burro, biscotti al cioccolato, frittelle.
    • Condimenti: burro, strutto, dado e spezie.
    • Bevande: liquori, vino, caffè, tè, spremute di agrumi, bibite gassate.

    La cena ideale per chi soffre di reflusso gatroesofageo deve essere leggere e facilmente digeribile. Ecco qualche esempio da cui prendere spunto:

    • Una fetta di pollo/tacchino/vitello/hamburger di soia al forno o alla griglia, una fetta di pane integrale, una ciotola di insalata/verdure lessate/grigliate.
    • Frittata di 1 uovo al forno con erbe aromatiche, una fetta di pane integrale, una ciotola di insalata/verdure lessate/grigliate.
    • Una porzione di merluzzo/sogliola/tonno/orata/spada al forno o alla griglia, una fetta di pane integrale, una ciotola di insalata/verdure lessate/grigliate.

    E’ consigliabile masticare lentamente perchè la triturazione del cibo e gli enzimi digestivi della saliva facilitano la funzione gastrica.

    704

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneDieta
    PIÙ POPOLARI