La celiachia è l’intolleranza alimentare più diffusa al mondo

da , il

    Celiachia intolleranza piu diffusa

    La celiachia è ormai diventata la prima intolleranza alimentare nel mondo, la più diffusa. Secondo le più recenti stime, questa patologia autoimmune dovrebbe crescere ulteriormente, anche nel nostro Paese. Attualmente, a livello globale, l’incidenza è pari all’1% della popolazione, e solo in Italia, nel 2010, si sono contati 122mila celiaci, ma secondo gli esperti si tratta di una cifra non molto indicativa, perché sono tanti coloro che pur soffrendo della malattia, ancora non lo sanno. Il problema di questa intolleranza al glutine, una proteina del grano e di molti altri cereali, è che la sua sintomatologia piuttosto variegata impedisce di arrivare in modo rapido ad una diagnosi.

    Tante persone, specialmente adulte, senza arrivare ad intuire che l’origine di tutti i loro malesseri sia unica, cercano di tamponare qua e là, senza ottenere, peraltro, grandi risultati. La qualità di vita di un celiaco non diagnosticato è bassa, perché la reazione immunitaria scatenata dall’organismo contro l’antigene-glutine, è tale da creare disturbi all’intestino, ma anche alle ossa, all’umore, alla pelle, provocare anemia… insomma, un quadro clinico non certo dei migliori.

    Tuttavia, una volta che la celiachia sia stata scoperta, e la persona cominci ad eliminare dalla sua alimentazione, e dai vari prodotti anche cosmetici che lo contengono, il “velenoso” glutine, le sue condizioni migliorano vistosamente, i sintomi regrediscono e la vita torna a sorridere. Ecco perché è importante parlarne. A tal proposito, la Relazione annuale sulla Celiachia del Ministero della Salute al Parlamento (relativa al 2010), fotografa la diffusione della malattia nel nostro Paese.

    Ci informa, ad esempio, che questa intolleranza alimentare ha un’incidenza più o meno simile in tutto il territorio italiano, e che le differenze sono relative alla densità della popolazione. Motivo per cui, le regioni con più celiaci sono la Lombardia (15,3%), il Lazio (11,2%), e la Campania (11%). Maggiormente colpita la popolazione femminile: 86477 soggetti donne contro 35824 uomini. Dati che ci devono far riflettere. Per avere ulteriori informazioni sulla celiachia, su come riconoscerne i sintomi e quali esami effettuare, potete consultare il sito www.celiachia.it dell’Associazione italiana Celiachia.

    Dolcetto o scherzetto?