La birra fa bene al cuore come il vino, entrambi proteggono dalle malattie cardiache

da , il

    Birra salute cuore

    Non solo vino per proteggere il nostro cuore da malattie e scompensi, ma via libera anche alla birra! Una delle bevande più amate al mondo, Italia inclusa, è ora ufficialmente stata inserita tra gli alimenti salutari, in grado di influire positivamente proprio sul nostro apparato cardiovascolare. Un’ottima notizia per tutti gli estimatori di “bionde” e “rosse” e frequentatori di birrerie e pub, anche se, e questo è davvero molto importante da ricordare, si parla sempre e comunque di una bevanda alcolica, da consumare con moderazione.

    A scoprire le virtù benefiche della birra sono stati i ricercatori della Fondazione di Ricerca e Cura Giovanni Paolo II di Campobasso, grazie ad una vasta indagine condotta su un campione di 200mila persone (tutti consumatori “morigerati” di bevande alcoliche). L’intenzione degli studiosi era proprio quelle di dimostrare gli effetti dell’alcool (in generale) sull’apparato cardiovascolare umano, soprattutto relativamente alla quantità ideale in grado di apportare benefici effetti protettivi.

    Per quanto riguarda il vino, anche questa ricerca ha supportato i risultati di studi precedenti, concludendo che una dose moderata di questa bevanda antica e celebrata – nello specifico due bicchieri al giorno per gli uomini, e uno per le donne), è in grado davvero di abbassare il rischio di andare incontro a malattie cardiache del 31% rispetto alla totale astinenza.

    Ma stavolta, la novità di questa ricerca italiana riguarda la finora trascurata birra, di cui si è analizzato il potere benefico in base alla quantità giornaliera consumata. Dai dati emersi, è risultato un effetto protettivo sulla salute del cuore massimo per un consumo pari a mezzo litro giornaliero (pari ad una dose di alcool del 5%).

    “Si tratta di conclusioni che riguardano il consumo moderato – ha spiegato il capo dell’Unità Statistica del Laboratorio di Ricerca che si è occupata di questo studio, dott. Augusto di Castelnuovo – è assolutamente sconsigliato il binge drinking o qualunque altra forma di consumo eccessivo”. Insomma, astemi avvisati…

    Dolcetto o scherzetto?