NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Ora solare: gli effetti del cambio dell’ora sulla salute

Ora solare: gli effetti del cambio dell’ora sulla salute
da in Benessere, Sole
Ultimo aggiornamento:

    Ora solare

    Arriva l’ora solare: nella notte tra sabato e domenica, precisamente alle 3.00, occorre far tornare indietro le lancette di un’ora. Per chi ama dormire e non apprezza troppo il suono della sveglia, l’idea di dormire un’ora in più è sicuramente piacevole, ma va detto che questa operazione di buono per la salute ha ben poco. Proprio come, infatti, nel caso del passaggio all’ora legale , il nostro organismo avrà bisogno di un pochino di tempo per adattarsi al cambiamento delle ore e del ritmo veglia-sonno e non solo. Ecco i principali effetti del cambio dell’ora sulla salute.

    L’introduzione dell’ora legale, che risale, per i primi esperimenti al 1916 ma che è entrata a far parte in modo stabile della consuetudine solo dal 1966, pur garantendo una serie di benefici, soprattutto in termini economici, come il risparmio energetico, legato al minor utilizzo di energia elettrica, ha da sempre comportato piccoli e grandi disturbi del sonno (insonnia).

    Secondo quanto previsto nel protocollo che regolamenta l’ora legale e quella solare in Europa, per i tre fusi orari, Europa occidentale (Utc) Europa centrale (Utc+1) Europa orientale (Utc+2), il cambio dell’ora deve avvenire l’ultima domenica di marzo e l’ultima di ottobre. Nei paesi con il fuso orario dell’Europa centrale (Utc+1), come l’Italia, in particolare, nell’ultimo fine settimana di ottobre, alle 3 di notte si riporta l’orologio indietro di un’ora, per tornare all’ora solare.

    Benché in modo lieve (per molti, più fortunati, impercettibile), con il cambio dell’ora, sia che si tratti di quella legale sia che si ritorni a quella solare, si altera il ritmo circadiano, quello interno dell’orologio biologico.

    Una sorta di alterazione dell’equilibrio naturale di sonno e riposo, del ritmo sonno-veglia: l’effetto è quello tipico del Jet Lag, per molte persone.

    Quali i sintomi a cui prestare attenzione? Astenia, difficoltà di concentrazione, sonnolenza diurna, mal di testa, soprattutto abbassamento del tono dell’umore. Parecchie persone non se ne renderanno neppure conto, abituate a tale sintomatologia dallo stile di vita, e il passaggio al nuovo ritmo biologico avverrà senza stress. Per molti invece costituirà un problema, anche e soprattutto se suscettibili agli effetti benevoli della luce sul proprio assetto psico-emotivo: le giornate si accorciano, fa buio prima.

    Nella maggior parte dei casi, basterà pazientare un po’ soprattutto se il “passaggio” verrà affrontato con gradualità, regalandosi momenti prolungati di sonno, anche grazie magari a una dieta leggera per cena.

    536

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereSole
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI