L’obesità in età infantile e adolescenziale predispone ad uso di droghe

da , il

    Obesita droghe

    Torniamo a parlare del fenomeno dilagante dell’obesità infantile e adolescenziale, ma per “agganciarlo” ad un’altra dipendenza, più nociva di quella dal cibo: le droghe. Ad analizzare il legame tra i due “abusi”, è stata una ricerca condotta dall’Istituto di fisiologia clinica del Consiglio nazionale delle Ricerche di Pisa, che ha valutato le abitudini e lo stile di vita di un campione di 33mila studenti delle scuole superiori italiane, tra i 15 e i 19 anni di età. Dai dati è emerso che maggiormente a rischio di sviluppare dipendenza da sostanze stupefacenti, ma anche di inclinare a vizi come fumo e alcool sono proprio i ragazzi sovrappeso.

    La loro probabilità di cadere vittime di droghe e binge drinking sarebbe addirittura il doppio rispetto ai loro coetanei senza problemi di peso. Il tutto, secondo la ricerca pubblicata sulla rivista PlosOne, avrebbe origine dalla stessa problematica di fondo che porta al sovrappeso, ovvero la scarsa autostima, la mancanza di fiducia in se stessi.

    Questi teenagers, in buona sostanza, cercano “stordimento” nel cibo, così come in droghe, tranquillanti, stimolanti, allucinogeni e quant’altro, per acquietare il senso di angoscia che li attanaglia, e che deriva dal fatto di sentirsi sempre “non all’altezza”, dei falliti. Un disagio psichico che rischia di portarli all’autodistruzione.

    Di tutte le sostanze stupefacenti illegali considerate nello studio, ovvero cocaina, eroina, allucinogeni, stimolanti e tranquillanti, gli adolescenti sovrappeso ne consumano mediamente il doppio. Evidentemente, appare chiaro che il lavoro che educatori, famiglie e amici dei ragazzi sovrappeso che manifestino inclinazioni pericolose, devono fare, non è tanto o non solo quello di agire come vigili sentinelle, ma soprattutto di cercare di aiutare l’adolescente in un percorso di crescita volto al pieno recupero della propria autostima, anche con l’ausilio di terapeuti. Prima si agisce, in questi casi, meglio sarà per tutti.