L’aspirina arma efficace contro i tumori, lo afferma studio australiano

da , il

    Aspirina tumore

    L’aspirina, comunissimo farmaco antinfiammatorio, potrebbe essere usato contro i tumori, perché secondo quanto scoperto da uno studio australiano, sarebbe in grado di “bloccare” la migrazione della malattia attraverso i vasi linfatici, vie privilegiate di trasporto per le cellule cancerose. I ricercatori del Melbourne Peter MacCallum Cancer Center, coordinati da Steven Stacker, infatti, hanno concentrato la loro attenzione sull’azione che farmaci antinfiammatori non steroidei, come appunto l’aspirina, a base di acido acetilsalicilico, hanno sui vasi linfatici e come riescano ad inibire la diffusione del cancro nel corpo umano.

    “Abbiamo dimostrato che molecole come l’aspirina potrebbero effettivamente funzionare in questo ambito, riducendo la dilatazione dei vasi e quindi la capacità dei tumori di diffondersi nell’organismo”, ha spiegato Stacker, sull’articolo apparso sulla rivista Cancer. Questa scoperta, naturalmente, potrebbe in un futuro anche prossimo portare alla messa a punto di nuove terapie oncologiche in cui venga utilizzata proprio l’aspirina per “bloccare” il progresso della massa tumorale.

    Nuovi farmaci che: “ Potrebbero contribuire a contenere molti tumori solidi, compresi il tumore al seno e il cancro alla prostata”. I risultati incoraggianti della ricerca australiana non ci dicono se l’aspirina possa giocare un ruolo importante anche a livello di prevenzione, in ogni modo, è curioso come questo medicinale da banco, così universalmente usato e anche così “antico”, non smetta di stupirci con qualche nuova virtù curativa. In ogni modo, attenzione agli effetti collaterali, che sono soprattutto a danno dello stomaco, per quanto ben tollerata, ricordiamoci che l’aspirina è sempre e comunque un medicinale.