L’ansia fa invecchiare prima le donne

da , il

    Ansia donne invecchiamento

    L’ansia è decisamente una gran brutta bestia contro cui trovarsi a combattere, anche dal punto di vista estetico. Avete capito bene, cedimenti fisici come rughe, avvizzimento cutaneo e muscolare, e infine aspettative di vita inferiori, sono tutte collegate a questo insidioso e corrosivo male, ma, ahinoi, riguarda soprattutto le donne. A quanto pare, proprio la popolazione femminile colpita da quella che viene definita ansia fobica, una comune variante di questo disturbo psichico, è anche più soggetta ad invecchiamento precoce, da tutti i punti di vista.

    Al contrario, chi riesce a mantenere un atteggiamento più calmo e distaccato anche di fronte agli inevitabili contraccolpi della vita, conserva un aspetto più fresco e giovanile e una salute più solida. Questo collegamento tra ansia e invecchiamento precoce femminile è stato analizzato in uno studio, entriamo perciò meglio nel dettaglio.

    Ansia e invecchiamento precoce, lo studio

    I ricercatori del Brigham and Women’s Hospital di Boston (USA), hanno effettuato uno studio pubblicato sulla rivista on-line PlosOne, su un campione di 5mila donne di età comprese tra i 42 e i 69 anni. Di tutte sono stati esaminati e confrontati campioni di sangue, ma anche questionari che hanno dovuto compilare, relativi all’individuazione del loro livello di ansia fobica. Risultato? Le donne ansiose avevano una caratteristica che viene associata ad invecchiamento precoce: i telomeri più corti. Questi non sono che le porzioni finali dei cromosomi del nostro DNA, che hanno anche il delicato compito di proteggere il nostro materiale genetico.

    Un loro accorciamento viene associato proprio a minori aspettative di vita, determinato da invecchiamento cellulare, nel caso dell’ansia fobica quantificato in circa sei anni. “Molte persone si chiedono se e come sia possibile che lo stress possa farci invecchiare più rapidamente – ha spiegato la curatrice dello studio, dott.ssa Olivia Okereke – questo studio mostra una notevole connessione tra una comune forma di stress psicologico, l’ansia fobica, e un meccanismo plausibile di invecchiamento precoce.” Conviene darsi alla meditazione zen, perciò! Vediamo, a grandi linee, i sintomi dell’ansia fobica.

    Ansia fobica, cos’è?

    Siamo tutte ancora in tempo a salvarci dall’ansia fobica, responsabile di quelle rughette che solcano la nostra fronte o di quelle macchie scure che sciupano la pelle delle nostre mani? Forse sì, in quanto l’ansia fobica non viene determinata da altro che da una paura immotivata e irrazionale per qualche cosa in grado di sconvolgerci e gettarci nel panico. Dalle paure degli animali come l’aracnofobia, alle classiche agorafobia (paura degli spazi aperti) e claustrofobia (paura degli spazi chiusi). Chi soffre di fobie è in genere un individuo molto controllato, molto rigido, con difficoltà a lasciarsi andare e ad accettare le situazioni inattese e gli imprevisti. In ogni caso, se soffrite di questo tipo di disturbi, la cosa migliore è quella di rivolgervi ad un bravo specialista. Anche l’ansia, e le fobie, si possono sconfiggere (e così vivere meglio e più a lungo).