Jennifer Aniston parla della sua strategia per prevenire il tumore al seno

da , il

    Jennifer Aniston tumore seno

    Anche Jennifer Aniston alle prese con il tumore al seno, ma, fortunatamente, solo dal punto di vista professionale. La bella attrice, recentemente eletta donna più attraente di tutti i tempi, ha infatti diretto un episodio del film corale Five, che racconta cinque storie di donne ammalate di cancro al seno. Un’occasione per parlare di questa terribile patologia femminile, che purtroppo colpisce soprattutto in giovane età e contro la quale l’arma migliore rimane sempre e comunque la prevenzione. Jennifer ha parlato della sua personale strategia contro questa forma tumorale al mensile Ok! Salute, e noi volentieri vi riportiamo qualche stralcio.

    Ad esempio, alla domanda relativa proprio all’importanza della diagnosi precoce, la diva di Friends risponde: “La verità è che non pensi che una cosa del genere possa succedere proprio a te. Superi i 40, ti dicono della mammografia, e non sai nemmeno bene di che si tratta”. Ma alla fine sono esami a cui ci si sottopone comunque, proprio come ha fatto Jen: “Una mammografia ogni due anni, sì.

    Ma ho anche imparato a fare l’autopalpazione, esamino il seno sotto la doccia. Spero di essere un esempio per le giovani donne che vedono nelle star di Hollywood dei modelli di comportamento”. Tra le altre azioni preventive, non solo contro il cancro al seno, la Aniston afferma anche di aver smesso di fumare, ottima scelta dato che ormai sappiamo che esiste un legame molto forte tra tabacco e nicotina a tumori femminili.

    Ma la cosa che maggiormente ha spinto Jennifer a preoccuparsi maggiormente della propria salute è stato, proprio come avviene nella vita di ciascuno di noi, l’aver toccato da vicino l’effetto che questa malattia fa su chi si ammala:

    “Una mia cara amica ha lottato contro il cancro per anni – ha raccontato al magazine la 42enne diva americana – Il male sembrava essere in remissione, quando è ritornato aggressivo, portandosela via quest’estate. Un’altra mia amica ha subito lo stesso destino, aveva poco più di trent’anni. Sono troppe le donne che si ammalano di tumore al seno». Perciò seguiamo l’esempio di Jen, prendiamoci cura di noi, facciamo gli esami di screening e non trascuriamoci, ne vale davvero la pena!