Ipertensione: negli anziani può causare perdita dell’equilibrio

da , il

    Anziana con il bastone

    Abbiamo parlato più volte dell’ipertensione e delle ripercussioni gravi sulla salute. Oggi riprendiamo l’argomento per darvi una motivazione in più per tenere sotto controllo la pressione arteriosa. Uno studio pubblicato sulla rivista dell’American Academy of Neurology, ha rivelato che la pressione troppo alta può causare la perdita dell’equilibrio negli anziani e dunque una maggiore propensione alle cadute. Alterazioni della marcia dopo i 60 anni sono molto frequenti e gli anziani che cadono sono costretti a rivolgersi al pronto soccorso e a sottoporsi alle terapie riabilitative per mesi. In casi estremi una caduta può portare anche alla morte.

    In particolare, si stima che tra i sessantenni, l’80% dei soggetti riesce a camminare normalmente. La percentuale, però, si abbassa in modo consistente con il passare degli anni, fino ad arrivare al 18% delle persone che hanno superato la soglia degli 85 anni. Questa è un’età particolarmente delicata, in cui il rischio di cadere procurando danni alle ossa aumenta drasticamente.

    Lo studio pubblicato su Neurology, ha preso in esame per due anni un campione di 400 persone con più di 50 anni, sottoposte a diversi test per la misurazione del flusso sanguigno cerebrale. Sono stati inoltre rilevati fattori importanti come il grado di abilità motoria nella marcia e la pressione arteriosa. E’ emerso che gli anziani dotati di una risposta del flusso sanguigno cerebrale più lenta avevano una pressione del sangue più elevata e risultavano maggiormente esposti alle cadute.

    Il dott. Farzaneh Sorond del Department of Neurology , che ha coordinato l’indagine ha spiegato che i risultati ottenuti “dimostrano che ci potrebbe essere una nuova strategia per la prevenzione delle cadute, fondata sull’esercizio fisico e sul controllo della pressione arteriosa alta, dal momento che questa influenza il flusso sanguigno cerebrale e può essere causa di cadute”.

    Foto da:

    www.consorzioparsifal.it