Intestino: visite gratis fino al 28 gennaio

da , il

    Stipsi ed emorroidi

    Chi soffre di disturbi intestinali, può sottoporsi gratuitamente ad una visita specialistica da oggi sino a venerdì 28 gennaio 2011 in 54 centri specializzati in tutta Italia. L’iniziativa è stata organizzata nell’ambito della Terza Settimana Nazionale per la Diagnosi e la Cura di Emorroidi e Stipsi, ed è stata promossa dalla SIUCP, Società Italiana Unitaria di Colonproctologia, con il Patrocinio del Ministero della Salute e di Cittadinanzattiva. I disturbi intestinali sono molto diffusi, colpiscono, infatti, 8 milioni di italiani e in modo particolare le donne.

    Esistono molti rimedi naturali contro la stitichezza come i semi di psillio, ma i rimedi naturali non sono sempre la risposta giusta ai disturbi intestinali, soprattutto quando si soffre di problemi gastrointestinali. L’iniziativa, infatti, nasce non solo per limitare l’adozione di soluzione fai-da-te non sempre corrette, ma anche per informare la popolazione riguardo alle nuove frontiere nella cura della stipsi e delle emorroidi.

    Tra le nuove cure oggi disponibili, spiccano due interventi chirurgici poco invasivi e di sicura efficacia. Si tratta di una sorta di lifting della mucosa del canale anale prolassata (che è scivolata verso il basso), che viene riposizionata ripristinando il corretto funzionamento dei diversi organi.

    Gli interventi, come dicevamo, sono veloci, non richiedono più di mezz’ora e si possono fare in anestesia locale. Inoltre, gli interventi sono poco dolorosi perché non prevedono incisioni o ferite esterne, e soprattutto vengono praticati in un’area priva di ricettori del dolore, evitando le sofferenze tipiche dell’intervento chirurgico tradizionale per la cura delle emorroidi, una patologia molto diffusa, che colpisce le donne in gravidanza e i soggetti adulti tra i 45 e i 65 anni.

    Se volete sapere qual è il centro più vicino cui rivolgersi per la prenotazione della visita gratuita basta telefonare al Numero Verde 800.776.662 oppure visitare il sito della SIUCP.