Integratori di vitamine, precauzioni per l’uso

da , il

    Multivitaminici

    Il lavoro e gli impegni quotidiani che una vita frenetica comporta possono portare a sentirsi perennemente stanchi. Se poi, per una questione di orari, non si riesce a curare la dieta a dovere, il problema rischia di diventare insostenibile. Infatti, questa condizione di costante fiacchezza spesso scaturisce da uno scompenso di vitamine, che dovremmo reintrodurre dedicando più tempo a noi stessi. Nel caso in cui il tempo mancasse, l’unica soluzione rimane quella di ricorrere ai supplementi vitaminici.

    Gli integratori di vitamine possono rivelarsi molto utili in particolari periodi della vita. Quando la stanchezza non ci abbandona un multivitaminico, assunto tutti i giorni per una settimana, può dare una mano importante. I suppelementi di calcio e vitamina D possono dare supporto agli anziani e alle donne che stanno varcando la soglia della menopausa; gli integratori di acido folico sono estremamente utili per il corretto sviluppo del feto durante la gravidanza.

    C’è da fare un’osservazione importante: le vitamine che assumiamo dagli integratori non potrammo mai reggere il confronto con quelle contenute negli alimenti. A sostenerlo sono le nuove linee guida dell’American Dietetic Association. Andrea P. Boyar del Lehman College della City University di New York, ha detto espressamente “Foods are special”: il cibo è speciale! Ed è proprio vero: le vitamine naturali, a differenza di quelle assunte attraverso i supplementi, interagiscono in maniera complessa con l’organismo, producendo maggiori benefici.

    Concludendo: si ai multivitaminici, ma attenzione a non esagerare e ad assumerli per periodi di tempo limitati. L’abuso può arrecare danni all’organismo, in alcuni casi anche molto gravi. Assimilare le vitamine necessarie esclusivamente attraverso il cibo rimane comunque la scelta migliore.

    Foto da:

    graegram.com