Influenza A: nuovo allarme per il virus H1N1

da , il

    Influenza A nuovo allarme

    E’ di nuovo allarme per il virus H1N1 portatore della fatidica Influenza suina o influenza A? Così è sembrato dalle pagine dei giornali inglesi che sottolineavano alcuni decessi. Per calmare le acque è intervenuta la massima autorità britannica in tema, ovvero la Health Protection Agency. Ha confermato che 8 decessi su 10 avvenuti per complicanze influenzali, erano caratterizzate dalla presenza del virus H1N1. In particolare, il prof. John Watson che dirige l’Agenzia ha sottolineato che la situazione è sotto controllo e che nessuno deve meravigliarsi se siamo ancora in presenza di questo particolare virus.

    Effettivamente la scienza ci insegna che i virus influenzali possono modificarsi, perdere di aggressività, ma non essere cancellati del tutto. E così è stato anche quest’anno. Il sistema di sorveglianza internazionale aveva segnalato già la presenza del virus della “suina” per la nuova stagione invernale, tant’è che è stato considerato anche per la vaccinazione antinfluenzale. Ma, come specificano le autorità britanniche, il rischio pandemia si è concluso già il 10 Agosto scorso, quando l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha ritirato ufficialmente l’allarme.

    Gli inglesi si saranno tranquillizzati? Decisamente è opportuno. I casi di decessi per influenza A sarebbero riconducibili esclusivamente a persone affette da altre patologie: ovvero appartenevano alle categorie a rischio per le quali può essere fortemente consigliato il vaccino antinfluenzale. In Italia c’è tempo fino alla fine di dicembre per sottoporsi a questa forma di prevenzione importante: come ogni anno. Comunque sia, si prevede che per Natale, l’influenza stagionale metterà a letto dai 2 ai 5 milioni di italiani.

    Chissà se potrà essere un motivo (meglio dire una scusa) di fuga per scansare lo stress delle feste natalizie!