Influenza 2016/2017: come sarà, i sintomi, la prevenzione e le cure

Ogni anno, in Europa, a causa dell’influenza muoiono in media 40.000 persone

da , il

    Influenza 2016/2017: come sarà, i sintomi, la prevenzione e le cure

    L’estate è quasi un ricordo lontano e molti cominciano a pensare all’influenza 2016/2017, ossia a come sarà, ai suoi sintomi, alla prevenzione e a che tipo di cure dovremo mettere in atto. Si, perchè esistono categorie a rischio per le quali l’influenza rappresenta un vero e proprio pericolo: persone al di sopra dei 65 anni di età affette da malattie debilitanti quali per esempio il diabete, le patologie immunitarie, cardiovascolari o respiratorie, i bambini molto piccoli e le donne in gravidanza.

    I sintomi

    L’influenza è una malattia respiratoria causata da alcuni virus, che si presenta principalmente nella stagione autunnale e invernale. I sintomi dipendono dal grado di reazione da parte del sistema immunitario, e sono: febbre, mal di testa, mal di gola, tosse, raffreddore, indolenzimento e dolori muscolari, stanchezza e riduzione dell’appetito, ma soprattutto nei bambini si potrebbero aggiungere anche vomito e diarrea.

    La prevenzione

    Il virus dell’influenza si trasmette sia per via aerea attraverso le gocce di saliva, sia tramite il contatto con mani contaminate dalle secrezioni respiratorie.

    Ecco quali sono le indicazioni migliori per evitare di ammalarsi:

    • Mantenere una buona igiene personale per allontanare eventuali agenti patogeni
    • Assumere quotidianamente cibi salutari come frutta, verdura e cereali per aiutare l’organismo a mantenersi forte
    • Vestirsi in modo adeguato per evitare sbalzi di temperatura

    Ecco quali sono le indicazioni migliori per evitare di propagare la trasmissione:

    • Effettuare una buona igiene respiratoria coprendo bocca e naso quando si starnutisce o tossisce, facendo attenzione ad utilizzare fazzoletti usa e getta, e lavando spesso le mani
    • Lavare spesso le mani con acqua e sapone o con gel alcolici, soprattutto dopo essersi soffiati il naso o aver tossito o starnutito
    • Rimanere a casa lontano quindi da luoghi affollati
    • Utilizzare le mascherine se in presenza di persone debilitate che potrebbero risentire gravemente del virus influenzale

    L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha previsto poi un piano nazionale di prevenzione vaccinale da proporre in via preferenziale agli over 65 e agli altri soggetti a rischio, come coloro che presentano malattie che potrebbero avere complicanze nel caso di influenza, e le donne nel secondo e terzo trimestre di gravidanza. Il vaccino antinfluenzale può comunque essere somministrato a tutti coloro che desiderano evitare la malattia influenzale e che non abbiano problemi nei confronti di esso. Il vaccino per l’influenza prevista per il periodo freddo 2016/2017 è diverso da quello dell’anno passato, perchè esso viene formulato in base ai ceppi virali circolanti. I virus arriveranno da Hong Kong, dalla California e da Brisbane in Australia, e per l’Italia il periodo ottimale per la somministrazione di un vaccino contro queste insidie è quello autunnale a partire da metà ottobre.

    Le cure

    Una volta entrati in contratto con il virus dell’influenza è indicato un periodo di riposo in casa, sia per essere curati, che anche per evitare di trasmettere il virus ad altre persone. L’influenza dovrà essere curata assumendo degli antivirali utili per alleviare i sintomi nel caso essi si presentino in forma forte.

    Ma nel caso l’influenza fosse leggera, essa si può anche curare senza l’utilizzo di farmaci e seguendo alcune semplici regole:

    • Rimanere a casa, o comunque in un luogo tranquillo e non affollato
    • Riposarsi
    • Assumere molti liquidi, come acqua, tè e tisane
    • Utilizzare un umidificatore
    • Stare al caldo, e soprattutto non subire sbalzi di temperatura

    Esistono inoltre alcuni efficaci rimedi naturali e della nonna per curare l’influenza.

    Ricordiamo che gli antibiotici non devono essere utilizzati contro l’influenza, perchè questa è di origine virale, mentre essi curano dalle infezioni batteriche.