Infezioni: un aiuto dal miele del mirto australiano

da , il

    miele australiano

    Il miele del mirto australiano è un potente antibatterico naturale. Come dicono i ricercatori gli studiosi del Queensland Alliance for Agriculture and Food Innovation, che hanno guidato lo studio, ne basta una piccola quantità per mettere sotto scacco un’infezione. I composti di questo miele, così, potrebbero essere impiegati contro le infezioni antibiotico-resistenti, tipiche di luoghi come ospedali o case di cura, e che se non debitamente trattate possono anche degenerare in malattie più serie. Spesso, il miele, viene consigliato come dolcificante nelle diete, o contro il mal di gola, ma quello del mirto australiano sembra essere molto promettente.

    Esistono molte varietà di miele, tutti con caratteristiche diverse. Il miele del mirto australiano, è particolarmente ricco di Methylglyoxal (MGO), superando anche i vari mieli di Manuka, anche loro australiani, famosi per le loro proprietà antibatteriche.

    Carolyn MacGill, amministratore delegato dell’Australian Organic Honey Company & Medi Bioactive Australia, che ha collaborato allo studio, ha spiegato che:

    In alcuni lotti abbiamo rilevato la presenza di MGO superiore a 1750 milligrammi per ogni chilo di miele. Questo renderebbe questo tipo di miele uno dei più antibatterici al mondo.

    Secondo gli esperti, per combattere le infezioni da Staphylococcus aureus meticillino-resistente (MRSA), ovvero le infezioni batteriche tipiche delle strutture ospedaliere o delle case di cura, ma anche di chi, uscendo da una malattia, ha ilsistema immunitario indebolito, bastano 500-1750 mg/kg di miele del mirto australiano. Dagli studi in vitro, infatti, è emerso come anche una piccola quantità di nettare fosse in grado di inibire completamente lo Staphylococcus aureus meticillino-resistente (MRSA).