Infarto: 8 porzioni di frutta e verdura al giorno riducono il rischio

da , il

    frutta verdura

    Quanta frutta e verdura mangiate ogni giorno? Se nel 2003 l’Organizzazione Mondiale della Sanità aveva consigliato di consumarne almeno cinque porzioni giornaliere, oggi la situazione cambia. Secondo uno studio apparso sulla rivista European Heart Journal, per ottenere importanti benefici e prevenire le malattie a carico dell’apparato cardiovascolare è meglio portare a tavola otto porzioni di frutta e verdura ogni giorno. Per chi segue questa regola, la mortalità per infarto, ipertensione e altre gravi patologie del cuore è più bassa del oltre il 20%, rispetto a chi non consuma più di tre porzioni frutta e verdura al giorno.

    Per giungere a queste conclusioni, un gruppo di ricercatori dell’Università di Oxford ha effettuato un’analisi approfondita dei dati raccolti dal Prospective Investigation into Cancer and Nutrition (EPIC): un progetto europeo che ha l’obiettivo di indentificare le associazioni esistenti tra alimentazione, stili di vita, fattori esterni e insorgenza di patologie mortali, come appunto le malattie cardiovascolari e i tumori. In particolare, le informazioni prese in esame dai ricercatori britannici erano state raccolte nel periodo 1992-2000 e riguardavano oltre 300mila europei tra i 40 e gli 85 anni di età .

    Ebbene, dall’analisi di questa enorme archivio di dati, è emerso che per prevenire le più gravi patologie del cuore è bene portare a tavola una porzione di frutta o verdura almeno otto volte al giorno. In termini statistici, la mortalità risulta ridotta di oltre il 20%. Abbinando la corretta alimentazione allo sport e alle abitudini sane i risultati sono ancora più entusiasmanti. In tal senso, la coordinatrice dello studio Francesca Crowe ha specificato “Dobbiamo essere cauti davanti a questi risultati. Spesso infatti chi ha un’alimentazione sana adotta anche altri salutari stili di vita che potrebbero contribuire, insieme al consumo di frutta e verdura, alla protezione cardiovascolare”.