Individuato il gene che provoca il tumore alle ovaie

da , il

    Tumore ovaie gene

    Importante scoperta sul fronte tumore alle ovaie, una delle neoplasie femminili più insidiose e potenzialmente letali: è stato individuato uno dei geni scatenanti. Si tratta del gene “difettoso” RAD15D, in grado di aumentare di 11 volte il rischio di sviluppare questa forma tumorale. A scoprirlo sono stati i ricercatori dell’Istituto Cancer Research, collegato con il Royal Marsden Hospital di Londra, mettendo a confronto il DNA di 911 donne che avevano in famiglia casi di cancro alle ovaie e al seno, con il DNA di 1060 persone prese a caso tra la popolazione.

    Si tratta di un importante passo avanti nella prevenzione di questo tumore così pericoloso (soprattutto perché quasi asintomatico se non in fase avanzata della malattia, quando le cure diventano sempre più difficili), come spiega il prof. Nazneen Rahman, capo della sezione Genetica ed Epidemiologia dell’ospedale londinese:

    “In questo livello di rischio, le donne possono prendere in considerazione l’asportazione delle ovaie dopo aver avuto figli, per prevenire il verificarsi di cancro ovarico”. Inoltre, prosegue sempre il dott. Rahman: “C’è anche la speranza all’orizzonte che ci saranno farmaci specificamente mirati al gene”. La lotta contro il cancro, infatti, si sta sempre più spostando a monte, verso la cura preventiva di carattere genetico, una volta che si individui la componente “debole” del DNA che potrebbe determinare l’insorgenza delle diverse forme tumorali.

    A tal proposito, afferma Nick Jones, coordinatore del team di ricercatori che ha effettuato la scoperta: “E’ un’ulteriore prova che una serie di geni differenti causano lo sviluppo del cancro al seno e del cancro ovarico e speriamo che altri siano in attesa di essere scoperti in diversi tipi di cancro. Crediamo che il risultato di questa ricerca contribuirà a formare approcci terapeutici personalizzati, dando ai medici una migliore informazione ai pazienti a rischio di cancro”. Direi che è davvero l’auspicio di tutti.