Il virus dell’Aids si può bloccare, lo ha scoperto scienziato italiano

da , il

    Virus Aids

    Bloccare il virus dell’Aids prima che cominci a “smantellare” il nostro sistema immunitario, è possibile. Si tratta, come si può ben intuire, di una scoperta scientifica di grandissima importanza, che potrebbe portare ad un progresso decisivo nella lotta contro questa malattia che miete ancora tantissime vittime, specialmente in alcune regioni del continente africano. La scoperta, e lo comunichiamo con grande orgoglio, arriva da un ricercatore italiano, Adriano Boasso, che però lavora non nel nostro Paese, ma presso l’Imperial College di Londra, dove ha coordinato il team di scienziati che ha poi firmato lo studio.

    Ma torniamo al nostro virus dell’Hiv: in pratica, per disattivare l’agente patogeno prima che cominci la sua azione nefasta, è “sufficiente” privarlo della sua guaina di colesterolo. Alla base dell’infezione da Hiv, che porta a sviluppare l’Aids, c’è una immediata iper attivazione, da parte del nostro organismo che cerca di combattere il microbo, dei nostri anticorpi.

    Questa prima fase viene chiamata risposta immunitaria innata, a cui, in un secondo momento, dovrebbe seguire la risposta immunitaria adattiva. Ma proprio a causa dell’eccessiva mobilitazione del sistema immunitario al primo contatto con il virus, si viene ad indebolire la possibile risposta secondaria, aprendo così le porte all’azione dello stesso.

    Ma gli scienziati guidati da Boasso, rimuovendo la membrana di colesterolo che riveste il virus, hanno potuto spegnere l’input della risposta immunitaria innata, permettendo, in questo modo, una piena risposta immunitaria adattiva, operata dalle cellule T, molto più efficace nel contrastare l’agente infettivo.

    Il secondo step che dovrà seguire questa scoperta, sarà il tentativo di mettere a punto un vaccino utilizzando proprio il virus dell’Hiv disattivato grazie alla rimozione della membrana di colesterolo. Insomma, una splendida notizia, e la sensazione che l’Aids, sempre più e meglio conosciuto e combattuto, avrà presto i giorni contati.

    Dolcetto o scherzetto?