Il verde della natura funziona come antidepressivo: provate con una passeggiata

da , il

    Verde anti stress

    Stress, depressione, ansia, cono i cosiddetti mali della civiltà moderna, una sorta di rovescio della medaglia dello stile di vita iper tecnologico e accelerato in cui viviamo. Nonostante le comodità delle nostre abitazioni, infatti, ci ritroviamo troppo spesso con tantissime incombenze a cui ottemperare, con scadenze e con contrattempi di vario tipo, senza contare i tanti problemi legati alla sfera lavorativa ed economica. La nostra vita è mediamente lunga, ma spesso costellata di “accidenti” che ci rendono isterici, intrattabili, sempre nervosi e pronti a scattare per un nonnulla. Oppure, al contrario, abulici e infelici. Insomma, non ci va mai bene nulla?

    In realtà, a volte ciò che semplicemente manca è un contatto con la natura, in grado di riportare in equilibrio il nostro corpo e la nostra psiche. Ce ne accorgiamo un po’ tutti, a volte ci sembra di non poterne più, di essere talmente stressati da rischiare di saltare in aria come una pentola a pressione, e poi è sufficiente una “scappata” di un giorno in campagna, lontano da tutti, a fare passeggiate in mezzo all’erba, ai boschi, nel silenzio, con davanti a noi panorami naturali e distensivi, per rinascere.

    Il verde è un potente anti stress, e ora lo decreta anche uno studio condotto dai ricercatori dell’Openspace Research Centre dell’Università di Edimburgo (Scozia, UK), pubblicato sulla rivista Landscape and Urban Planning. Per giungere ai loro risultati, gli esperti hanno coinvolto un campione di individui sotto stress, provenienti da aree urbane depresse, tutti di età comprese tra i 33 e i 55 anni, introducendoli in un ambiente pieno di verde e analizzando poi (attraverso la saliva), il livello di cortisolo nel loro sangue, vale a dire l’ormone dello stress.

    Ebbene, dagli esami è venuto fuori che avere attorno a sé meno del 30% di verde (pensate solo a chi abita in aree urbane degradate dove c’è solo cemento) ci rende “squilibrati” dal punto di vista ormonale, perché i livelli di cortisolo appaiono alti in maniera assolutamente anomala. Questo porta a reagire ai fattori di stress anche normali, in modo abnorme e fuori controllo.

    Viceversa, chi ha la fortuna di vivere in mezzo alla natura, mostra livelli nella norma di cortisolo. Spiega la dott.ssa Catharine Ward Thompson, co-autrice dello studio scozzese: “Dati i crescenti livelli di stress e cattiva salute mentale subìti dalle persone, questo è un importante passo avanti.

    I ricercatori hanno lavorato con persone che avevano perso il lavoro provenienti da aree svantaggiate e utilizzato test scientifici per dimostrare che, dove c’è più spazio verde intorno, i livelli di stress delle persone erano più bassi, mentre meno spazio verde è stato collegato con indicazioni che gli ormoni del corpo che non funzionano correttamente”. Ripensare il piano urbanistico delle città introducendo sempre più aree verdi dovrebbe perciò diventare una priorità di chi si occupa di amministrazione cittadina.

    Dolcetto o scherzetto?