Il telefono cellulare può causare il cancro, allarme dell’OMS

da , il

    Telefono cellulare cancro

    Non è la prima volta che si ventila un legame tra telefono cellulare e cancro, in particolare, un collegamento con alcune forme di tumore al cervello. Però stavolta l’allarme è stato lanciato dalla stessa Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC), ed è rivolto a tutti noi che utilizziamo i telefonini e le modalità di connessione wireless per i nostri pc. Le onde elettromagnetiche a radiofrequenza che assorbiamo quotidianamente proprio a causa dell’uso prolungato di questi apparecchi tecnologici, sono nocive per il nostro organismo.

    E’ quanto scoperto, e accuratamente certificato, da una commissione di 34 esperti guidata dal dott. Jonathan Lamet (Università di Southern California, USA) che ha valutato i risultati di precedenti studi e indagini sull’argomento, giungendo alla conclusione che cellulari &co: “Potrebbero causare il cancro negli esseri umani”. Il rischio è stato classificato nella categoria 2B (non alta, comunque) ed è legata all’aumento dei casi di glioma, un tumore maligno al cervello che prima era rarissimo e che, proprio in contemporanea con la diffusione delle frequenze elettroradiomagnetiche a cui siamo sottoposti, sono molto aumentati.

    Insomma, preoccupiamoci, ma non troppo, anche perché per “friggerci”, l’esposizione ai campi magnetici sotto accusa deve essere prolungata nel tempo e reiterata giornalmente. Il rapporto della commissione degli scienziati presentato a Lione, così spiega: “Le prove, ancora in fase di raccolta, sono forti abbastanza per sostenere la conclusione e la classificazione 2B. La conclusione significa che ci potrebbe essere qualche rischio, e quindi abbiamo bisogno di tenere sotto osservazione il legame tra cellulari e rischio di cancro”. E quindi, noi utenti di telefonini e usi a connessioni wireless… come ci dobbiamo comportare?

    A rispondere è il dott. Cristopher Wild, Direttore dello IARC, che conclude: “Date le potenziali conseguenze per la salute pubblica di questa classificazione e le conclusioni è importanti che si facciano ulteriori ricerche per verificare nel lungo termine gli effetti dell’uso massiccio dei telefoni cellulari. In attesa della disponibilità di tali informazioni, si è importante adottare misure pragmatiche per ridurre l’esposizione, come i dispositivi viva voce o sms”. Tra vedere e non vedere, allora meglio limitare le telefonate e spedire qualche messaggino in più…