Il tè rosso di Rooibos contro mal di stomaco e indigestioni da cenone di Capodanno

da , il

    Te di Rooibos indigestione

    Un elisir di benessere, molto indicato come digestivo è il tè rosso di Rooibos, che si coltiva in Sudafrica e non a caso è anche detto il tè di Nelson Mandela. Secondo studi recenti, l’infuso di questa piantina avrebbe potenti virtù depurative, perciò si può consigliare caldamente il consumo proprio in questi giorni, in cui il nostro apparato digestivo viene particolarmente messo alla prova dai frequenti “banchetti” a base di cibi grassi e zuccherini che appesantiscono stomaco e fegato. Ma non solo, bere tanto tè Roobois, ricco di antiossidanti, aiuterebbe anche a prevenire l’invecchiamento.

    Secondo quanto scoperto dai ricercatori spagnoli del Centre De Recerca Biomedica dell’Universidad Rovira Y Virgili di Reus, questa semplice bevanda contiene 25 diversi polifenoli (sostanze antiossidanti), in grado di stimolare la funzionalità epatica e aiutare a prevenire disturbi e rallentamenti del metabolismo. Ma anche l’italiano INRAN (Istituto nazionale per la Ricerca degli Alimenti e la Nutrizione) ha confermato, con propri studi, le proprietà benefiche del tè rosso Rooibos.

    “Una bevanda come il tè Rooibos – spiega Mauro Serafini, ricercatore INRAN – può aiutare nella digestione dopo i pranzi e i cenoni natalizi. Grazie alla sua azione antiossidante, aiuta a ridurre lo stress indotto dal pasto, aiutando durante il processo digestivo. Il suo basso contenuto calorico, l’assenza di caffeina, le sue proprietà organolettiche uniche, fanno del Rooibos l’alleato ideale per rimettersi in forma e depurare l’organismo appesantito dalle abbuffate natalizie”.

    Un consiglio da cogliere al volo, in vista del cenone che ci aspetta per il 31 dicembre, il classico banchetto di Capodanno che di solito comprende tantissime portate… Tenerci in casa una ottima confezione di Tè rosso Rooibos potrebbe davvero aiutarci a non avere brutte conseguenze a causa di una mangiata un po’ troppo abbondante.

    Dolcetto o scherzetto?