Il SoulCycle: lo sport che fa bene a corpo e mente

da , il

    SoulCycle

    Uno sport per allenare il corpo, ma anche la mente o, meglio l’anima: il SoulCycle è la nuova mania del fitness made in Usa. Da New York a Los Angeles non c’è vip o starlette che non sia una fan scatenata di questa nuova disciplina a metà strada tra lo spinning e lo yoga, il cardiofitness su due ruote e la meditazione. Il SoulCycle promette di tonificare i muscoli e di purificare la mente e, a detta delle migliaia di “seguaci” di questa nuova frontiera dell’allenamento, lo fa davvero.

    Di cosa si tratta

    Forte dello slogan “Comincia il viaggio. Cambia il corpo. Trova l’anima” il SoulCycle, letteralmente anima e bicicletta, non è altro che un allenamento sulle due ruote, una sorta di spinning rivisto e corretto con l’aggiunta di una dose di misticismo extra. Si pedala a lume di candela, coniugando l’allenamento aerobico dello spinning allo yoga, mixando sudore e meditazione, potenziamento muscolare e benessere mentale.

    Durante una sessione di SoulCycle si pedala alternando scatti veloci e lenti, abbinando esercizi di respirazione e, come sottofondo, per dare il ritmo o per stimolare la concentrazione, musica o gli insegnamenti del Dalai Lama. Pedalando, respirando e meditando, questa nuova disciplina promette di ottenere sia la perdita di peso sia un miglioramento del benessere psicofisico. Il risultato promesso? Un allenamento a 360°, per dare la spinta giusta al fisico, scolpendo i muscoli, definendo e le forme e assottigliando la silhouette, ma anche alla mente, liberandola da ansie e stress, tensioni e preoccupazioni.

    Sempre più diffusa nelle principali città statunitensi, la SoulCycle è una tecnica di allenamento nata nel 2005 dall’intuizione di due amiche amanti dello sport e dalla loro collaborazione con un’istruttrice di spinning.

    SoulCycle, mania vip

    Lady Gaga, che non ha rinunciato a portarsi una speciale cyclette anche nell’ultimo tour mondiale, Nicole Kidman, ma anche Brooke Shields e Katie Holmes tutte le dive di Hollywood e dintorni non possono più fare a meno del SoulCycle, almeno a detta dei tabloid a stelle e strisce.

    Quando piace alle star, si sa, poi diventa una vera moda irrinunciabile per tutti. Così è stato anche per il SoulCycle che oltre a numerose palestre, centri specializzati e istruttori sparsi in tutti gli Stati Uniti, vanta anche un blog dedicato, SC Blog, una sorta di community virtuale dove tutti gli appassionati del genere si confrontano sui vantaggi della disciplina e sui suoi aspetti “miracolosi”.