Il rossetto contiene metalli e sostanze nocive: pericolo per la salute?

da , il

    Rossetti pericolosi

    Il rossetto è, sicuramente, un alleato della bellezza, che dà luce, forma e volume alle labbra, ne definisce i contorni e ne esalta il disegno, ma potrebbe essere un pericolo per la salute. Fa male alla salute? Forse sì, almeno stando ai risultati di un recente studio, condotto da un gruppo di esperti d’oltreoceano, che evidenzia la presenza di metalli e sostanze nocive all’interno di numerosi rossetti e lucidalabbra.

    In particolare, all’interno dei cosmetici presi in esame sono state rilevate tracce di piombo, cadmio, cromo, alluminio e manganese. Metalli e sostanze potenzialmente molto pericolose che, se assunte in dosi elevate, possono avere effetti deleteri sulle condizioni di salute.

    La ricerca è stata condotta dagli esperti della School of Public Health dell’Università californiana di Berkeley e pubblicato sulle pagine della rivista “Enviromental Health Perspectives”. Per giungere a queste prime conclusioni poco rassicuranti, gli studiosi hanno analizzato 32 rossetti e lucidalabbra di sette marche differenti, comunemente disponibili nelle principali catene di distribuzione.

    Le evidenze emerse dallo studio, come suggerisce uno dei ricercatori che lo ha condotto, “dovrebbe indurre la FDA (l’autorità statunitense che si occupa dei prodotti farmaceutici e alimentari) a fare più attenzione a questo aspetto e a fare maggiori controlli”.

    Se le tracce di queste sostanze potenzialmente nocive erano già state rilevate durante altri studi all’interno di rossetti e altri cosmetici, i risultati della nuova ricerca a stelle e strisce evidenziano un altro aspetto. “Trovare questi metalli non è il problema: quello che conta è il livello. Non credo che sia sensato diffondere il panico o la paura, ma sia giusto indurre una riflessione nelle utilizzatrici abituali del rossetto: per evitare rischi, meglio usarlo con più parsimonia” ha osservato S. Katharine Hammond, coautrice dello studio ed esperta in scienze ambientali.

    Dolcetto o scherzetto?