Il legame tra telefoni cellulari e tumore al cervello non esiste, è ufficiale

da , il

    Telefono cellulare tumore cervello

    Finalmente la notizia che tutti attendevamo: tra telefono cellulare e tumore al cervello non esiste alcun legame. Anche un uso continuo, quotidiano, per anni, del nostro telefonino non induce nessuna formazione di cellule cancerose nel nostro cervello, perciò, tutti tranquilli! E’ una notizia importante, perché giunge a smentire ufficialmente un’altra ricerca autorevolissima, che invece diceva esattamente il contrario. Si trattava, come ricorderete, di un’indagine commissionata nientemeno che dall’OMS, che aveva annoverato anche i cellulari tra i (tantissimi) fattori di rischio predisponenti al cancro, anzi, ad uno specifico tumore maligno al cervello: il glioma.

    Ora però, arriva questo studio condotto in Danimarca dai ricercatori dell’Istituto di Epidemiologia oncologica di Copenhagen, monitorando lo stato di salute di tutti gli abbonati ad un servizio di telefonia mobile danese, in un arco di tempo compreso tra il 1982 e il 1995, e confrontato con quello di altri cittadini danesi che non usavano il telefonino.

    “Abbiamo preso in considerazione tutti coloro (più di 400mila persone) che hanno stipulato un contratto di telefonia mobile tra il 1982 e il 1995 in Danimarca e siamo riusciti a seguirne quasi 360mila per ben 18 anni – hanno spiegato gli autori dello studio, pubblicato sul British Medical Journal – Nel 1996 e poi di nuovo nel 2002 abbiamo confrontato la frequenza di tumori in questo gruppo di persone rispetto a quella che si è verificata nella popolazione generale”.

    E la conclusione è stata che: “Né allora, né ad un ulteriore controllo ripetuto nel 2007 abbiamo trovato nessuna differenza significativa tra chi da molti anni usava il cellulare e chi invece no”. Speriamo, dunque, che finalmente si possa relegare in cantina, come si suol dire, questo spauracchio del cancro come conseguenza dell’utilizzo del cellulare, che ogni tanto ci veniva fatto agitare davanti come sorta di “memento” sui rischi connessi con la tecnologia.