Il colesterolo? Aumenta nel mese di Gennaio

da , il

    colesterolo gennaio

    A gennaio, lo sappiamo, aumenta il freddo e conseguentemente i casi di raffreddore ed influenza: i virus trovano un ambiente migliore per riprodursi e diffondersi. Ma gennaio è anche il mese in cui si raggiungono i più alti livelli di colesterolo cattivo, di malattie gengivali e di tasso di mortalità. Quest’ultimo può essere spiegato dall’amento delle sindrome influenzali soprattutto nelle persone anziane, ma il colesterolo cosa c’entra? Il curioso accostamento è stato evidenziato in un articolo scientifico da Roger Dobson per il Dailymail, in cui si evidenziano mese per mese i rischi per la salute.

    Ed i dati presentati sono stati raccolti da una serie di ricerche scientifiche. Per ciò che riguarda il colesterolo alto ed i trigliceridi ad esempio, Dobson ha scovato un rapporto della Harvard University, in cui si evidenziano in questo periodo dell’anno, livelli ben più alti che in estate, mentre un’altra ricerca scientifica ha dimostrato come questo dislivello possa arrivare addirittura al 22%. Le cause? Non ben chiare. Si evidenzierebbe come la temperatura più alta o l’aumento dell’attività sportiva tipiche delle stagioni più calde possano essere responsabili di un abbassamento di colesterolo, ma nulla di certo.

    A questa giusta considerazione ne aggiungerei anche una personale, sicuramente banale, ma che può far riflettere. Non solo con il freddo l’attività motoria è minore, ma cambia anche il tipo di alimentazione, di sicuro più ricca di sostanze grasse e dunque che favoriscono il colesterolo. Gennaio inoltre è il mese post – abusi alimentari delle feste natalizie, quindi basta fare 1+1 e prestare un pochino di attenzione in più al tutto, non trovate?

    Mortalità e malattie gengivali sarebbero invece collegate ad abbassamento delle difese immunitarie. E visto che stiamo per arrivare a Febbraio? Dobson ricorda che è il periodo in cui si hanno in assoluto più casi di distacco di retina e …un maggior numero di spermatozoi! Ma questo è un altro mese ed un’altra storia.