Il cervello viene “disturbato” dalle suonerie dei cellulari e la mente si inceppa

da , il

    Suonerie cellulari cervello

    Malefiche suonerie dei cellulari, il nostro cervello risente talmente tanto dell’effetto “disturbante” delle melodie in stereofonia da rallentare le sue prestazioni. Se state lavorando, e volete mantenere lucida la vostra mente, allora sarebbe meglio impostare il vostro telefonino in modalità silenziosa, al limite con la funzione vibrazione. Infatti uno studio molto significativo condotto da ricercatori della Washington University di St Louis (USA), ha dimostrato in quale percentuale la suoneria del cellulare (non necessariamente del proprio) che si attivi improvvisamente diffondendo nell’etere una orecchiabile melodia sia in grado di compromettere una qualunque attività di tipo intellettuale.

    La sperimentazione è stata semplice quanto efficace, è stato sufficiente, alla dott.ssa Jill Shelton, partecipare ad una lezione di psicologia (affollata di studenti) presso la Lousiana State University, facendo sì che il suo telefonino si mettesse a squillare nella sua borsa per 30 secondi, con una suoneria ben udibile. Immediatamente dopo i ragazzi sono stati sottoposti a dei test di studio i cui risultati sono stati peggiori (in termini di votazione) del 25% rispetto alla media. La distrazione da cellulare aveva colpito.

    “Molti considerano la suoneria del cellulare che squilla in un posto pubblico solo come un disturbo fastidioso – ha spiegato la dott.ssa Shelton – ma la nostra ricerca conferma che questi rumori possono avere un impatto negativo anche nella vita reale, perché queste apparentemente innocue distrazioni influiscono, e tanto, anche sulla nostra capacità di apprendimento”.

    Inoltre, la stessa ricerca ha anche dimostrato che effetti particolarmente disturbanti sono il risultato dell’impatto sul cervello di melodie (sempre da cellulare), particolarmente note, magari le canzoncine preferite del momento, così come altrettanto deleterio per la concentrazione sono le manovre che si compiono in modo scomposto per scovare il telefonino “perso” in borsa e rispondere o spegnerlo.

    C’è, però, anche un risvolto positivo in tutto questo: ovvero la velocità di assuefazione anche al fattore suoneria. Dopo qualche esperimento condotto di seguito, i ricercatori hanno scoperto che il cervello veniva distratto sempre meno dalle suonerie. In ogni modo, per ogni attività, anche in gruppo, che necessiti di tutta la vostra attenzione e concentrazione, meglio spegnere il cellulare, che ne dite? Lo studio USA è stato pubblicato sulla rivista Journal of Enviromental Psychology.

    Dolcetto o scherzetto?