Il calo del desiderio negli uomini è colpa dello stress delle donne?

da , il

    Calo desiderio stress

    Il calo del desiderio è ormai diventato un argomento da salotto, che interessa gli uomini come le donne, e di cui si argomenta tantissimo, forse perché tipico di un’attività che non si pratica, è il parlarne fino allo sfinimento. Il sesso non è più una funzione normale e gratificante nella vita delle persone, piuttosto è diventato una sorta di strumento impugnato all’interno della coppia per stabilire a che punto si è del rapporto d’amore. Per quale arcano motivo, passati i primi tempi d’oro (sempre più brevi, peraltro), organizzare una serata all’insegna dell’ intimità a due sembra così complicato? E come mai lui e lei, sebbene ancora giovani, nel fiore dell’età, non “hanno mai voglia”? E’ colpa dello stress. Delle donne.

    Secondo un recente sondaggio che ha fatto abbastanza scalpore, nell’immaginario erotico delle straniere gli italiani non sono più visti come l’emblema dell’uomo macho, sensuale e seduttore, addirittura i nostri connazionali scivolano al terzo posto in classifica, ed è, il loro, un declino annunciato da tempo. Secondo la sessuologa Alessandra Graziottin, il problema ha a che vedere con l’aumentata aggressività femminile, non tanto dal punto di vista strettamente sessuale, quanto sotto il profilo psicologico.

    La donna italiana del 2012 vive costantemente sotto pressione, ha difficoltà con il lavoro (che le occupa molto più tempo che nel passato, con minori gratificazioni), e spesso torna a casa sfinita, con nessuna voglia di pensare ad una nottata romantica. In effetti, un altro problema è proprio relativo al tempo da dedicare alle effusioni.

    Rispetto al passato una donna dorme anche due ore in meno (6 ore rispetto alle 8 che sarebbero l’ideale), e quando arriva a letto il suo massimo desiderio è riposare, sapendo che al mattino la sveglia sarà impietosa. In tutto questo, l’uomo fatica a ritagliarsi uno spazio adeguato, soprattutto relativamente alla sessualità. Ma questa mancanza di intimità finisce per deteriorare il rapporto a due, perché il sesso cementa l’unione, se è buono, ma la annienta se è scarso, scadente o addirittura nullo.

    Che fare? Beh, San Valentino è alle porte, un’occasione per una “fuitina” romantica lontano da tutti, magari per un due giorni di relax alle terme. A volte basta solo la volontà, per rimettere in sesto un rapporto di coppia anche dal punto di vista della vita sessuale.

    Non dobbiamo pensare che questo aspetto sia secondario, che ci siano troppe urgenze a cui badare, sempre più importanti, altrimenti la nostra esistenza si limita ad un incasellarsi di incombenze che, però, alla fine dei conti, non ci lasciano nulla, dentro. L’amore deve avere sempre il primo posto, cerchiamo di ricordarcelo, è importante.

    Dolcetto o scherzetto?