I traumi dentali trascurati sono un rischio per ossa e articolazioni

da , il

    Traumi dentali ossa

    Mai trascurare i traumi dentali, potrebbe andarne della salute delle nostre ossa, e articolazioni, soprattutto a livello di colonna vertebrale. Soprattutto nell’età della crescita, quando si è bambini e adolescenti, trascurare denti rotti o modificati nel loro assetto naturale a causa di cadute, botte, o incidenti sportivi può davvero essere un rischio. Il medico dentista Vittorio Scornavacche (Università di Torino) mette in guardia specialmente dai traumi dentali in età pediatrica: “I traumi sono più frequenti tra i 9 e i 24 mesi d’età, riconducibili alla deambulazione non corretta. E tra gli 8 e i 16 anni, durante i giochi di gruppo”.

    In età adulta traumi alla bocca sono meno frequenti perché si verificano meno occasioni favorevoli, e tuttavia, quando accadono, possono avere delle serie conseguenze. “Un trauma che interessa il volto e i denti – spiega lo specialista – può causare anche traumi a livello di articolazioni temporomandibolari e della colonna vertebrale, quindi il paziente potrà essere sottoposto a trattamenti odontoiatrici, ortopedici, fisioterapici, chirurgici, e a volte anche neurologici”.

    In pratica, se si modifica in modo traumatico la naturale corrispondenza tra arcata superiore e arcata inferiore (errata occlusione), si possono verificare, col tempo, una serie di disturbi correlati di tipo osseo e articolare che possono anche rivelarsi invalidanti. Ecco che, quindi, è necessario agire subito (anche se sappiamo che è una bella spesa) per correggere e riportare in asse la dentatura in modo da ricreare il naturale equilibrio.

    “Tra gli interventi possibili – conclude Scornavacche – si può ricorrere al trattamenti restaurativo, se si tratta di danni estetici alla corona, all’ortodonzia se il dente definitivo cresce mal posizionato, fino ad arrivare alla chirurgia in caso di malformazione del dente definitivo. In alcuni casi, invece, se occorrerà rimuovere totalmente il dente si interverrà con l’ortodonzia e l’implantologia”.

    Dolcetto o scherzetto?