I soldi fanno la felicità? Lo shopping no!

da , il

    I soldi fanno la felicità

    I soldi fanno la felicità: che la frase sia interpretata come un luogo comune poco veritiero o come un dubbio ricorrente, con buona pace dei perbenisti, la scienza conferma che i soldi, se spesi nel modo giusto, possono contribuire a rendere più felici. In particolare, gli esperti, cioè un team di ricercatori Usa, alla luce delle evidenze scientifiche hanno dato il via libera ai soldi spesi per fare nuove esperienze di vita. Meno utili, in termini di felicità, invece, gli acquisti più materialisti, figli del consumismo fine a se stesso.

    Spendere i soldi per fare nuove esperienze di vita, più o meno complesse e impegnative, ma sempre arricchenti, emotivamente e culturalmente, come cene e viaggi, per esempio, rende le persone più felici di quanto possa fare lo shopping per acquistare beni materiali. La scienza, quindi, boccia, lo shopping terapeutico e promuove mostre, gite enogastronomiche, viaggi per staccare la spina e week end nelle città d’arte.

    A dare le direttive su come impiegare meglio i risparmi per conquistare la felicità, banconota dopo banconota, è un gruppo di esperti d’oltreoceano della San Francisco State University. Ma, anche se ne sono consapevoli, perché moltissime persone persistono, continuando a comprare beni materiali alla ricerca di un po’ di felicità, di sensazioni positive?

    Spesso, continuano a comprare beni materiali, invece di investire fondi ed energie in esperienze positive ed arricchenti di vita perché pensano, erroneamente, di creare in questo modo più valore economico. I beni materiali danno una soddisfazione momentanea ed effimera, le esperienze diventano ricordi utili e bagaglio culturale prezioso. In controtendenza, però, rispetto a questa logica, le persone vanno sempre più spesso nella direzione del consumismo, sono sempre più materialiste, un po’ perché sottovalutano la felicità garantita dalle esperienze di vita, un po’ perché sopravvalutano la felicità che si ottiene acquistando i beni materiali.

    Nel corso dello studio, pubblicato sulle pagine del Journal of Positive Psychology, i ricercatori statunitensi hanno coinvolto ben 10mila persone, attraverso un’indagine realizzata sul web. È così che hanno risposto, a modo loro, alla domanda che si è prestata negli anni a mille risposte e interpretazioni differenti. Dati alla mano, qualche dubbio resta, ma ci sono anche nuove certezze: i soldi fanno la felicità se si spendono per costruirsi ricordi preziosi, per fare esperienze di vita interessanti, per passare del tempo con le persone importanti, con gli amici e la famiglia, per scoprire il mondo, per degustare nuove delizie o per ammirare le opere d’arte.

    Dolcetto o scherzetto?