I segreti per combattere la digestione lenta e migliorare il metabolismo

I segreti per combattere la digestione lenta e migliorare il metabolismo
da in Alimentazione, Approfondimenti, Dieta, Fitness, Intestino, Malattie, Metabolismo, Prevenzione, Primo Piano, digestione Ultimo aggiornamento:

    digestione lenta e metabolismo

    I segreti per combattere la digestione lenta? Risiedono ovviamente in ciò che mangiamo, nella qualità, nella quantità e soprattutto nell’abbinamento di alcuni cibi. Pesantezza di stomaco, gonfiore addominale, sonnolenza, difficoltà di concentrazione, rallentamento dei riflessi, senso di stordimento: sono questi i sintomi più comuni della digestione lenta, spesso accompagnata da senso di nausea e desiderio di eruttazione. Per qualcuno tale disturbo è passeggero, ma per altri è un incubo costante con il quale convivono malamente. E’ importante dunque capire come porvi rimedio.

    Digestione lenta, combatterla con l’alimentazione

    Occorre mangiare con regolarità, ad orari prestabiliti e con calma, masticando lentamente. Mai abbuffarsi o andare a dormire subito dopo mangiato anche se la sonnolenza provocata dalla digestione lenta ce lo suggerirebbe. Vanno evitati i cibi troppo pesanti, grassi, eccesso di proteine animali, i fritti, le bibite gassate, l’alcool e la caffeina; da favorire di contro le verdure e la frutta fresca e tanta acqua naturale: si tratta di nutrienti più facilmente digeribili, ma soprattutto ricchi di liquidi e di fibre che aiutano l’evacuazione delle feci (la stipsi si accompagna spesso e volentieri alla digestione lenta). Utili anche alcuni rimedi naturali, come una buona camomilla, un infuso con menta o alloro o una tisana al finocchio.

    Digestione lenta:abbinare bene i cibi

    Una delle cause principali della digestione lenta risiede nell’abbinamento errato dei cibi. Ecco qualche suggerimento prezioso: i cibi grassi (ovvero l’olio, il burro, i formaggi, ecc.) fonte di lipidi, andrebbero abbinati esclusivamente ai carboidrati, che a loro volta non vanno accompagnati a cibi acidi. Per spiegarci meglio: è sbagliato mettere l’olio su una bistecca o condire la pasta con un limone (che invece starebbe bene su della carne arrostita!) Alle proteine inoltre non andrebbero mai aggiunti gli amidi (come il pane o i cereali), ma solo verdure fresche. E la frutta? Va mangiata lontano dai pasti, da sola.

    In questo modo è facilmente digeribile, altrimenti no!

    Digestione lenta, aumentare il metabolismo

    La digestione lenta è spesso causata anche dalla sedentarietà: aumentare il metabolismo e dunque la capacità di digerire e “metabolizzare” gli alimenti, è possibile essenzialmente con un minimo di attività motoria. Per un perfetto funzionamento dell’organismo ed anche della parte intestinale, sarebbe buona cosa camminare almeno 30 minuti al giorno. Anche subito dopo pranzo. Altri esercizi importanti, previo un riscaldamento generale sono quelli che riguardano la fascia addominale: vanno bene delle torsioni del torace, almeno 30 da ambedue i lati ed i diversi tipi di esercizi per gli addominali. Da fare prima della colazione o almeno due ore dopo il pranzo e con moderazione: questi movimenti devono servire a massaggiare l’intestino e a renderlo dunque più attivo, favorendo l’aumento del metabolismo. Con questo scopo esistono in commercio anche farmaci ed integratori, ma che vanno utilizzati esclusivamente su consiglio del proprio medio curante. Vedrete che tutto ciò favorirà anche la vostra linea.

    Di seguito altri post che potrebbero interessarvi:
    Stress, per il 20% degli italiani è colpa della cattiva digestione
    Alimentazione, occhio al caffé dopo un pasto abbondante: rallenta la digestione
    L’amaro ingrassa e non aiuta la digestione

    689

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneApprofondimentiDietaFitnessIntestinoMalattieMetabolismoPrevenzionePrimo Pianodigestione Ultimo aggiornamento: Giovedì 26/05/2011 09:23
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI