I rimedi omeopatici per i disturbi di stomaco e intestino

I rimedi omeopatici per i disturbi di stomaco e intestino
da in Farmaci, Fitoterapia, Intestino, Malattie, Medicine Alternative, Omeopatia, Rimedi naturali, digestione Ultimo aggiornamento:

    Rimedi omeopatici stomaco intestino

    Anche se siete in vacanza, i disturbi a stomaco e intestino non vanno in ferie, anzi, spesso si accentuano proprio a causa delle modificate abitudini alimentari tipiche dei periodi estivi. Congestioni, indigestioni, stitichezza o, al contrario, episodi di diarrea, per non parlare di problemi da cibo non fresco (magari frutti di mare crudi mangiati in quel bel ristorantino sul porto… ) o di intolleranze varie, sono in agguato. Per non rovinarvi le agognate vacanze con disturbi all’apparato digerente, che finirebbero davvero per mettervi ko, meglio agire preventivamente portandovi dietro alcuni rimedi omeopatici efficaci proprio contro questo genere di patologie. Vediamoli.

    • Indigestione: in caso di stomaco affaticato da superlavoro e cibo che proprio non ce la fa ad essere mandato giù (specie se grasso e speziato, come formaggi stagionati e salumi), è consigliata la Pulsatilla
    • Congestione: il vostro problema è quel sorbetto ghiacciato che avete mandato giù ancora accaldati dal mare, e che ora rischia di mandarvi in tilt? Allora provate la Nux Vomica, ottima anche contro nausea e pesantezza di stomaco
    • Diarrea: Mercurium Corrosivum è il rimedio omeopatico indicato quando si viene colpiti dalla diarrea, magari determinata da piccole infezioni intestinali.

      Vi rimetterà in sesto

    • Stitichezza: anche questo è un disturbo tipico di quando si va in vacanza, e per alleviarlo potete provare con l’Alumina
    • Intossicazione: veniamo alle intossicazioni alimentari, anche queste possibili, specie si effettuano viaggi in luoghi caldi e si mangiano cibi speziati o non ben conservati. In questo caso, il rimedio utile è l’Arsenicum

    Per quanto riguarda le dosi, ogni farmaco omeopatico va assunto più volte al giorno (specie nella fase acuta del disturbo) versandone 5 gocce sotto la lingua (o in una zolletta di zucchero) fino alla cessazione dei sintomi. Per quanto riguarda l’Arsenicum anti diarrea, ne dovete assumere 5 granuli (sotto la lingua) ogni quarto d’ora finché il disturbo non regredisce, diminuendo le dosi (5 granuli 3 volte al giorno, per 5 giorni), fino a guarigione.

    427

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN FarmaciFitoterapiaIntestinoMalattieMedicine AlternativeOmeopatiaRimedi naturalidigestione Ultimo aggiornamento: Lunedì 08/08/2011 09:38
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI