I 5 oggetti più sporchi che si toccano ogni giorno

I 5 oggetti più sporchi che si utilizzano e toccano ogni giorno, ma che sono veri e propri ricettacoli di germi e batteri.

da , il

    I 5 oggetti più sporchi che si toccano, anche ripetutamente, ogni giorno. Spesso ignorando che possano diventare ricettacoli di germi e batteri, veicoli di microrganismi dei ogni genere. Dal telecomando alla tastiera del computer, fino alla spugna da cucina e ai soldi, ecco gli oggetti più sporchi che si maneggiano quotidianamente, spesso ignorandone le implicazioni igienico sanitarie, una sorta di top five poco piacevole.

    1. Il telecomando

    Conteso simbolo del potere di fronte alla tv, il telecomando, complici gli spuntini sul divano, ma non solo, rischia di trasformarsi in un covo di germi e batteri, sporcizia e residui vari. Un po’ perché sono numerose le mani, spesso non pulite attentamente, che lo toccano e lo maneggiano. Un po’ perché non è oggetto di pulizie e lavaggi frequenti, attenzione, quindi al telecomando e allo sporco che può portare con sé a ogni cambio canale.

    2. La spugna da cucina

    Una sorta di paradosso, una vera e propria contraddizione in termini. La spugna da cucina, con la quale si dovrebbero pulire piatti o superfici, è a rischio elevatissimo sporcizia. Tra le sue trame possono annidarsi microrganismi patogeni, ma anche muffe e residui di cibo, complice soprattutto l’umidità. Il consiglio più utile, per pulire al meglio la spugna da cucina è di lavarla, almeno due volte la settimana, nella lavastoviglie, dove le alte temperature hanno un effetto igienizzante.

    3. La tastiera del computer

    Discorso simile a quello che vale per il telecomando. A forza di toccarli con le mani, non sempre pulitissime, anche i tasti della tastiera del computer diventano vittime di sporcizia, germi e batteri. Una buona regola sarebbe passare la tastiera, almeno due o tre volte la settimana, con un panno e un prodotto detergente antibatterico e igienizzante.

    4. I soldi

    Basta pensare a quante mani li toccano. A quante dita, quante tasche, quanti portafogli entrano in contatto con monete e banconote, per intuire che il loro livello di igiene e pulizia è piuttosto precario. Il consiglio è di evitare di maneggiarli e poi portare le mani a contatto con la bocca o con il cibo.

    5. Il tagliere

    Si utilizza spesso, se non tutti i giorni quasi, per affettare e tagliare, sminuzzare e preparare ogni sorta di alimento. Dalle verdure alla frutta, passando per la carne e il pesce. Ma il tagliere viene lavato nel modo giusto? Molto spesso no. Ed è proprio per questo che diventa un ricettacolo di germi e batteri, complici i residui di cibo e i lavaggi poco accurati. Quindi, meglio mettere il tagliere ogni giorno in lavastoviglie per evitare rischi e pulirlo a dovere.