I 10 alimenti più cancerogeni da evitare o limitare

I dieci alimenti nemici della salute e, in particolare, i dieci cibi più cancerogeni da evitare o limitare fortemente.

da , il

    I 10 alimenti più cancerogeni che sarebbe meglio evitare o, in alcuni casi, limitare per scongiurare la comparsa di diverse forme di tumore, dal cancro al colon a quello alla bocca, dalla leucemia al tumore della mammella. Ecco la top ten dei peggiori nemici, almeno stando alle evidenze scientifiche più recenti in materia, della prevenzione del cancro.

    1. I grassi idrogenati

    Non un solo alimento, ma un pericoloso ingrediente che ne accumuna diversi, i grassi idrogenati si trovano in particolare nei prodotti da forno industriali, come merendine e biscotti, e nella margarina. Meglio controllare l’etichetta di ogni alimento prima dell’acquisto.

    2. La carne rossa

    Additata ormai da un po’ come nemica giurata della salute dell’organismo e possibile fattore di rischio per la comparsa di diversi tipi di tumore, la carne rossa è responsabile soprattutto del tumore al colon. Meglio, quindi, se proprio non si può evitare, limitarne il consumo a 300 grammi la settimana.

    3. I cibi in scatola

    Complice l’elevato contenuto di conservanti e sale, i cibi in scatola non sono esattamente il prototipo del toccasana per la salute. Anzi, meglio, se possibile, preferire sempre cibi freschi e di stagione.

    4. Le bevande zuccherate

    Le bevande gassate e zuccherate, le bibite di produzione industriale sono cariche di zucchero e dolcificanti, come il pericoloso aspartame, ma anche di coloranti e altri additivi alimentari non esattamente alleati della salute. Da evitare o, almeno da limitare, scegliendo con cura, grazie alla lettura dell’etichetta, i prodotti meno dannosi.

    5. Il dado alimentare

    Utilizzato abusato per insaporire molti alimenti, il dado, complice il contenuto di glutammato, entra di diritto nella lista dei cibi che sarebbe meglio evitare per la sua capacità di aumentare il pericolo di tumori.

    6. Il sale

    Nemico della salute per diversi motivi, il sale non solo influisce negativamente sul funzionamento del sistema cardiovascolare, innalzando il pericolo di ipertensione e di infarto, ma è annoverato anche tra i fattori di rischio per la comparsa del cancro allo stomaco.

    7. Gli insaccati

    Gli insaccati, soprattutto quelli di produzione industriale e a lunga conservazione, possono mettere in pericolo la salute. In particolare, secondo alcune recenti ricerche, potrebbero essere responsabili, se consumati troppo spesso, dell’incremento dell’incidenza del tumore al colon.

    8. Le carni conservate

    Non solo non sono esattamente alimenti da gourmet, le carni conservate, in scatola o simili, complici le sostanze chimiche conservanti che contengono, possono aumentare il rischio di essere vittime di forme tumorali di vario genere.

    9. L’alcol

    Oltre a incrementare il rischio di cirrosi epatica e di problemi cardiovascolari, il consumo frequente e massiccio di bevande alcoliche influisce negativamente anche sull’incidenza delle malattie oncologiche. L’etanolo, infatti, aumenta il rischio di tumore alla bocca, alla faringe, alla laringe e all’esofago. Il limite consigliato è di due bicchieri di vino il giorno per gli uomini e di uno per le donne.

    10. Le patatine fritte

    Deliziose al palato, ma deleterie per la salute: le patatine fritte aumentano più di quanto si creda, soprattutto se si consumano spesso, il rischio di comparsa di tumore a carico dell’apparato gastrointestinale. Tra i colpevoli c’è la sostanza cancerogena contenuta nelle patatine, l’acrilamide.

    Dolcetto o scherzetto?