Gravidanza isterica: quando e perchè succede

da , il

    Gravidanza isterica

    Gravidanza! Un grande desiderio sta per avverarsi: il ciclo non arriva e dopo poco ecco anche la tensione mammaria: sintomi comuni a molte donne in stato interessante e purtroppo anche a gravidanze isteriche. A dire la verità non si tratta di un fenomeno molto frequente (1 su circa 22.000 nascite), ma è fortemente sentito da chi lo vive. E’ un problema psicosomatico molto importante che sottolinea anche come la mente riesca a controllare alcuni aspetti fisici ed ormonali.

    Di fatto in questi casi si arriva a credere profondamente nella gravidanza, aumenta il volume addominale e si hanno tutti i sintomi più classici. Si arriva a volte anche alla secrezione di liquido dal seno, dovuta all’effettivo aumento dei valori di prolattina, si aumenta di peso e si percepiscono decisi movimenti fetali.

    Raramente si arriva anche ai dolori del travaglio! Ho letto di un caso clinico in cui una donna è arrivata all’espulsione (immaginaria) del bambino, negli stessi attimi in cui nasceva il nipotino: dal ventre della compagna di suo figlio, che la donna aveva sempre rifiutato di conoscere. Un caso emblematico di desiderio di partecipazione, ad un evento dal quale si è stati esclusi. Ma non è così semplice.

    Tra l’altro si pensa in genere che le gravidanze isteriche (o false gravidanze) siano per lo più causate dal forte desiderio di maternità, magari impossibile a causa di un’isterectomia. In parte questo è vero, ma sono documentati molti casi anche di donne terrorizzate da una gravidanza reale, purtroppo spesso vittime di abusi o addirittura incesto.

    Si tratta comunque quasi esclusivamente di situazioni culturali particolari, relative a contesti in cui l’identità femminile è ancora legata alla procreazione. E, care amiche, purtroppo queste condizioni sono più frequenti di quanto non si creda, anche in Italia. Comunque diciamo che l’ecografia può risolvere ogni dubbio ed una buona psicoterapia potrà sicuramente ben supportare queste donne indubbiamente fragili.

    Alcune curiosità: l’età media delle donne affette da questo disturbo è 33 anni, ma gli studiosi raccontano anche di una donna di 79 anni ed addirittura di una bimba di 7.

    Foto da:

    curvedicrescita.com