Grasso localizzato addio con un pool di aminoacidi

da , il

    dimagrire chirurgia estetica

    Quando si parla di diete c’è sempre molta confusione generata dalle soluzioni fai-da-te, che però il più delle volte risultano inutili se non controproducenti, soprattutto se l’obiettivo da raggiungere non è un dimagrimento generalizzato ma mirato a specifiche zone del corpo: culotte de cheval, interno coscia e braccia, ginocchio, fianchi. Per questo, da qualche anno, è stato messo a punto un protocollo di dimagrimento specifico, considerato un vero e proprio intervento di medicina estetica, che si chiama Liposcultura alimentare.

    Il tessuto adiposo nei distretti di adiposità localizzata ha un diverso metabolismo perché funge da riserva energetica per il corpo ed è l’ultimo che viene mobilizzato durante la dieta: gli estrogeni e l’insulina determinano uno sbilanciamento dei processi di liposintesi e lipolisi a favore della costruzione del grasso. Un semplice regime ipocalorico agirebbe sul tessuto adiposo nei distretti più magri, lasciando inalterate però le adiposità localizzate. Con la Liposcultura Alimentare invece si va ad agire in modo mirato assicurando una effettiva riduzione del peso corporeo fino al 10% in 10-14 giorni.

    Dopo un’attenta analisi del paziente, che viene sottoposto a esami specifici e a una scrupolosa misurazione della massa grassa e magra, viene prescritta una dieta proteica, quasi priva di zuccheri e grassi, abbinata alla somministrazione di uno specifico integratore proteico inserito nel trattamento aminoacidico (Macresces), che riduce la stimolazione di insulina e attiva la produzione dell’ormone della crescita (growth hormon – GH).

    Il pool di aminoacidi impiegato deve avere una giusta composizione aminoacidica – necessaria per permettere una corretta sintesi proteica indispensabile a mantenere la massa magra in un regime altamente ipocalorico – un ridotto contenuto glicidico e una corretta preparazione industriale che non determini la perdita di aminoacidi. Inoltre, la presenza di potassio all’interno dell’integratore riduce la necessità di supplementare questo importante minerale che potrebbe risultare carente durante il trattamento aminoacidico. Terminato il periodo di trattamento, il paziente viene sottoposto a una accurata visita per valutare i risultati in termini di diminuzione della massa grassa e mantenimento di quella magra, e viene impostata una dieta normocalorica o ipocalorica da seguire nei giorni successivi, eventualmente intervallata da altri cicli di trattamento aminoacidico. I vantaggi di questa terapia alimentare, che va sottolineato deve essere somministrata da un medico e deve essere eseguita scrupolosamente, sono un dimagrimento veloce e mirato, senza riduzione del tono e del volume di muscoli e pelle, e il senso di benessere che l’accompagna: i pazienti non solo non sentono i morsi della fame, ma si sentono pieni di energia, leggeri e in forma.