Gli oggetti che hanno una scadenza che non avresti mai sospettato

Gli oggetti che hanno una scadenza che non avresti mai sospettato

Esistono alcuni articoli per la casa che devono essere regolarmente sostituiti

da in In Evidenza, Prevenzione, Primo Piano
Ultimo aggiornamento:
    Gli oggetti che hanno una scadenza che non avresti mai sospettato

    Non solo gli alimenti, anche gli oggetti di uso comune hanno una data di scadenza e hanno un tempo di vita rispettare che probabilmente non avreste mai sospettato. Cuscini, pantofole, accessori per il make-up e altre cose che ci circondano e di cui facciamo un uso quotidiano possono infatti diventare dei ricettacoli di spore, virus e batteri o perdono la loro efficacia e vanno quindi sostituiti per non rischiare di ammalarci. In primis le spugne per lavare, che oltre a dover essere asciugate ogni volta che le si utilizza, devono essere sostituite ogni 2 mesi, avendo anche cura di non conservarle in ambienti umidi.

    Non è solo il cibo che scade, ma molte altre cose che utilizziamo possono diventare pericolose se non le sostituiamo entro un certo tempo dal momento in cui cominciamo ad usarli.

    I cuscini

    Pensiamo ai cuscini, oggetti su cui appoggiamo il corpo, la testa e il viso, dovrebbero essere sostituiti almeno ogni due anni.

    Le pantofole

    E cosa dire delle pantofole, le nostre compagne del relax a cui affidiamo i piedi dopo una lunga giornata di lavoro. Ogni quanto tempo le cambiate? Potete ben immaginare che queste sono l’ambiente ideale per la diffusione delle infezioni fungine, e per questo motivo, oltre a lavarle spesso, dovrebbero essere gettate nella spazzatura almeno ogni sei mesi.

    La spazzola per i capelli

    Conosciamo la data di scadenza dei prodotti che utilizziamo per il make-up poichè da anni è stata imposta la segnalazione della scadenza su ogni prodotto, ma anche le spazzole per i capelli andrebbero sostituite regolarmente e lavate settimanalmente.

    Lo spazzolino da denti

    Lo stesso vale per gli spazzolini da denti, che i dentisti raccomandano di buttare ogni tre mesi, soprattutto se si soffre di problemi gengivali che con l’accumulo di batteri potrebbero peggiorare.

    Gli utensili in legno della cucina

    Il classico cucchiaio di legno, ma anche il tagliere, sono utensili molto utilizzati in cucina, e sono altri oggetti ideali per trasportare germi e batteri. Se non sostituiti periodicamente, possono portare ad intossicazione alimentare.

    Il reggiseno

    Ma fra gli oggetti di uso quotidiano rientrano anche alcuni capi di abbigliamento, come il reggiseno, che gli esperti dicono di sostituire ogni otto mesi perchè oltre quella data iniziano tra l’altro a perdere sostegno. Secondo Mark Miles, responsabile del brand Puma, le scarpe da ginnastica subiscono un usura che ne rende necessario il cambio per massimo un anno e mezzo, o comunque quando iniziano a consumarsi e la suola diventa meno flessibile.

    Il ciuccio del bambino

    Le neo mamme devono poi fare attenzione al ciuccio del bambino, perchè i succhiotti andrebbero cambiati regolarmente ogni mese per evitare che i batteri si annidino fra le crepe impercettibili della gomma.

    840

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN In EvidenzaPrevenzionePrimo Piano
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI