Gastrite nervosa: sintomi e dieta da seguire

Gastrite nervosa dieta

La gastrite nervosa, anche detta da stress, è una malattia che interessa lo stomaco, che può manifestarsi in forma acuta o cronica, e che ha in tutto e per tutto i medesimi sintomi dell’omologa provocata dal temibile (e diffusissimo) Helicobacter Pylori, il batterio responsabile di infiammare la mucosa gastrica. Infatti proprio in questo consiste la gastrite, in una infiammazione delle pareti che rivestono il nostro stomaco, le cui cause sono varie. Quando, però, si parla di gastrite nervosa, si intende non determinata da cause esterne (come il microbo succitato, ma anche reazioni all’assunzione di qualche farmaco o abuso di alcool) ma di natura endogena, psicosomatica.

Una eccessiva produzione di succhi gastrici, dovuta proprio ad una condizione di stress, può irritare la mucosa gastrica fino a provocarne l’infiammazione. In casi come questi, la prima cura proviene dalla dieta. Vediamo quali cibi è meglio mangiare e le regole da eseguire per alleviare i sintomi della gastrite nervosa e dare sollievo allo stomaco:

  • Pasti leggeri e frazionati nell’arco della giornata, in modo da non appesantire lo stomaco in laboriose digestioni, ma senza lasciare per troppe ore lo stomaco vuoto
  • Limitare gli alimenti che “stuzzicano” l’acquolina e la produzione di succhi gastrici: carne e pesce in primis
  • Preferire (ovvero inserire in ogni pasto), cibi “tampone”, che assorbano gli acidi dello stomaco. Tra questi latte e latticini (lo yogurt va benissimo), ma anche amidacei come patate e riso e il pane
  • Limitare al massimo, se non eliminare nei periodi acuti della malattia, frutti e ortaggi “acidi”: pomodori (attenzione anche ai sughi e alle salse a base di pomodoro) agrumi, kiwi, fragole ecc.
  • Evitare bevande eccitanti come caffè e tè, le spezie e vietate assolutamente sigarette e bevande alcooliche
  • Lasciate perdere chewingum e caramelle alla menta

Ecco una dieta tipo adatta a chi soffre di gastrite nervosa:

  • Colazione: tè solo se deteinato, o latte scremato con biscotti secchi
  • Pranzo: pasta o riso conditi con olio a crudo e parmigiano, carne macinata o cotta al latte con contorno di patate lesse o al vapore (in alternativa zucchine o carote)
  • Cena: simile al pranzo ma senza secondo piatto

Segui Pour Femme

Lunedì 16/05/2011 da

Commenta

Ricorda i miei dati

Pubblica un commento
Segui PourFemme
Scopri PourFemme
torna su