Follicolite post depilazione: sintomi, prevenzione e rimedi [FOTO]

da , il

    Le spetta di diritto un posto d’onore tra i disturbi più fastidiosi che possono colpire la pelle: è la follicolite, che, molto spesso, compare come risultato post depilazione. Complici le piccole e grandi aggressioni a cui si sottopone la pelle, strappo dopo strappo, la cute può “ribellarsi” e diventare l’habitat perfetto per batteri e microrganismi. È così che si scatena la follicolite, un’infezione batterica, che può essere superficiale o profonda, accompagnata da un’infiammazione del follicolo pilifero. Ecco di cosa si tratta, quali sono i sintomi, gli alleati della prevenzione e i rimedi utili.

    Caratteristiche e sintomi

    È una vera e propria malattia della pelle, che può interessare aree più o meno vaste del corpo. Le più colpite, quando il responsabile è la depilazione, sono le zone più frequentemente sottoposte al trattamento per eliminare i peli superflui, come le gambe, dai polpacci alle cosce, l’inguine o le ascelle. Si tratta di un’infezione batterica, caratterizzata dall’infiammazione del follicolo pilifero, cioè quella sorta di sacchetto contenente la radice dei peli.

    Può essere solo un disturbo superficiale e transitorio, come succede nella maggior parte dei casi, ma può anche estendersi più in profondità, coinvolgendo tutto il follicolo, con esiti meno temporanei.

    I sintomi sono piuttosto evidenti e fastidiosi: oltre al prurito difficile da ignorare, le aree di cute interessata si riempiono di piccole lesioni, molto simili a brufoli e a pustole, e compaiono peli incarniti e macchie.

    I rimedi utili

    Ottimi, in caso di follicolite superficiale, tutti i rimedi fitoterapici dalle proprietà lenitive, antibatteriche e antinfiammatorie, come la malva, il timo, la calendula, il bergamotto e l’echinacea. Il consiglio è di utilizzarli sotto forma di olio essenziale o di preparati per impacchi quotidiani.

    Se la follicolite è profonda, meglio rivolgersi al medico, che, per contrastare efficacemente il processo infettivo, prescriverà una cura a base di farmaci antibiotici.

    La raccomandazione, valida in entrambi i casi, è di interrompere e sospendere per qualche settimana i trattamenti di depilazione, sia che si tratti di ceretta, rasoio, laser o epilatori elettrici, per evitare di peggiorare la situazione, provocando alla cute ulteriori traumi.

    Prevenire è meglio

    La prevenzione della follicolite passa, soprattutto, da una maggiore attenzione per la propria pelle e da alcuni accorgimenti igienici prima e durante la depilazione.

    Esfoliazione, per eliminare le cellule morte e levigare la pelle scongiurando la formazione dei peli incarniti, e idratazione, per nutrire la cute al meglio, sono le due armi di prevenzione fai da te più efficaci.

    Per quanto riguarda la depilazione, invece, la parola d’ordine è disinfezione. È importante disinfettare con attenzione la pelle prima e dopo ogni trattamento depilatorio, per eliminare il rischio infezione. Allo scopo, è preferibile anche pulire con cura rasoi, epilatori e strumenti per la ceretta (preferendo le strisce monouso).