Fiori curativi: i benefici e come utilizzarli

La floriterapia è un metodo di cura naturale che utilizza essenze di fiori selvatici per favorire il recupero della salute e del benessere fisico e psichico

da , il

    Fiori curativi: i benefici e come utilizzarli

    Esistono fiori che forniscono rimedi curativi naturali che hanno dato vita alla floriterapia, un sistema di cura antichissimo che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha riconosciuto come sistema terapeutico dal 1976. I benefici sono molti, sia sul piano fisico, che sugli stati emozionali, ma come utilizzarli? E quali sono le essenze da utilizzare? Il medico inglese Edward Bach ne ha scoperte trentotto. Rimedi floreali che favoriscono il ripristino del naturale stato di benessere del corpo riequilibrando lo stato emozionale.

    Le proprietà terapeutiche dei fiori agiscono sul piano psichico e mentale portando ad una riarmonizzazione del piano emozionale e di quello fisico. Le essenze curative non agiscono tramite meccanismi chimici, ma come rimedi vibrazionali che hanno come conseguenza il riequilibrio di tutto l’organismo.

    La nascita di questo sistema di cura chiamato floriterapia si deve ad Edward Bach, un medico gallese che sosteneva l’importanza di curare l’uomo, e non la sua malattia, e che passò tutta la vita a cercare nuovi rimedi tra le essenze naturali per curare lo squilibrio che genera le malattie del corpo. Ma Bach non è l’unico terapeuta ad aver creduto nel potere curativo dei fiori. Va ricordato Ian White, naturopata e omeopata che utilizza le piante e i fiori del bush australiano, lo studio dei fiori Himalayani, delle essenze dell’Alaska, di quelle del deserto dell’Arizona e Californiane.

    Fiori di Bach

    I fiori di Bach sono preparati a base di estratti da fiori selvatici che possono essere assunti singolarmente o in associazione a seconda delle necessità individuali, e che lavorano sul riequilibrio delle emozioni negative che favoriscono l’insorgere dei disturbi. I benefici dei 38 fiori di Bach sono tanti, e fra le altre si possono curare situazioni di ansia, stress, insicurezza e depressione, ma anche stanchezza, coliti, le malattie della pelle e le gastriti. L’utilizzo consiste nell’assunzione di 4 gocce sotto la lingua per almeno 4 volte al giorno della miscela corrispondente al proprio male.

    Fiori Australiani del Bush

    I fiori Australiani del Bush hanno qualità riequilibranti e sono utilizzati da secoli per usi terapeutici dagli aborigeni. Il naturopata e biologo australiano Ian White ha messo a punto quasi 70 rimedi floreali attivi sulle problematiche emozionali, psicologiche, psicosomatiche e sull’equilibrio ormonale e immunitario. Anche gli Australian Bush Flowers vanno scelti in base alle emozioni fonte di maggiore sofferenza, e il dosaggio standard è di 7 gocce da assumere sotto la lingua mattina e sera. Possono essere utilizzati anche per via cutanea aggiunti a creme, oli per il massaggio, oppure diluiti nell’acqua del bagno.

    Fiori Himalayani

    I fiori Himalayani sono rimedi volti a lavorare sulle emozioni per attivare i processi di riequilibrio energetico. Studiati dal ricercatore australiano Tanmaya, i fiori Himalayani Enhancers possono essere assunti da soli o insieme ai Fiori di Bach o ad altri fiori, e la posologia è di 2 gocce sotto la lingua mattina e sera.

    Fiori dell’Alaska

    L’Alaskan Flower Essence Project è nato per fare ricerche su nuove essenze floreali del territorio dell’Alaska, che per sopravvivere in un ambiente così ostile devono sviluppare molte strategie di sopravvivenza. Dotate di proprietà curative non comuni, le 72 essenze aiutano a recuperare il benessere psicofisico, e una volta scelta l’essenza adatta al proprio caso va assunta con 4 gocce per via orale quattro volte al giorno.

    Fiori del deserto dell’Arizona

    Esistono delle piante che si sono adattate alle condizioni aride del deserto dell’Arizona che hanno una lunga storia di utilizzo nella medicina a base di erbe e alternativa. Cinthia Athina Kemp Scherer ha dato vita alla collezione Desert Alchemy Flower Essences, 119 essenze floreali del Deserto dell’Arizona che hanno proprietà terapeutiche e sono di aiuto nel ridurre lo stress, risolvere traumi emotivi e aiutare ad affrontare emozioni dolorose.

    Fiori Californiani

    Gli psicologi Richard Katz e Patricia Kaminski hanno proseguito gli studi di Edward Bach scoprendo 100 nuove essenze floreali curative. I fiori Californiani sono indicati per il trattamento di tematiche spirituali, di problemi della sfera sessuale, di conflitti familiari, dai diversi tipi di dipendenze. La scelta del fiore giusto é sempre scelta in relazione allo alle emozioni che si vogliono riequilibrare, e il dosaggio è di 4 gocce 4 volte al giorno.