Fibrosi cistica: torna “Una rosa per la vita”

da , il

    Fibrosi cistica

    La fibrosi cistica, conosciuta anche come mucoviscidosi, è una malattia genetica ereditaria dovuta a un’anomalia della proteina CFTR (Cystic Fibrosis Transmembrane Conductance Regulator), causa di un’alterazione degli scambi idroelettrici. E’ la malattia ereditaria a esito letale più diffusa nella popolazione caucasica, con un’incidenza di un caso ogni 2500 nuovi nati. Domani, Domenica 2 maggio, La Lega Italiana Fibrosi Cistica Associazione del Lazio riproporrà “Una rosa per la vita”, una giornata dedicata alla solitarietà, con l’obiettivo di raccogliere fondi da destinare alla ricerca scientifica e all’assistenza sanitaria per i malati di fibrosi cistica.

    Piantine di rose verranno distruibuite in 100 delle principali piazze italiane, in cambio di un’offerta di almeno 10 euro. Grazie alla solidarietà, nel 2009, La lega Italiana Fibrosi Cistica Associazione laziale ha raccolto più di 370.000 euro, investiti nella ricerca scientifica, con l’obiettivo di sviluppare una cura definitiva.

    La dott.ssa Silvana Colombi, presidente dell’associazione, ha detto che “nonostante i dati incoraggianti ancora non c’è una terapia risolutiva e le terapie applicate curano i sintomi ma non la causa della malattia. Nuove speranze di cura per la Fibrosi cistica si stanno prospettando, infatti secondo la comunità scientifica siamo finalmente sulla buona strada per sconfiggere questa terribile malattia. Ma per abbreviare i tempi e passare al più presto dalla sperimentazione e alla produzione di nuovi farmaci occorre maggiore sostegno.” aggiungendo che “Si stanno sviluppando importanti filoni di ricerca che lasciano ben sperare per il futuro e che vanno sostenuti finanziariamente: la partecipazione di tutti è fondamentale”.